Simona domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 20/10/2015

Torino

Ansia e storia con il mio ragazzo

Salve, sono una ragazza di 20 anni e da circa un anno non riesco ad essere più serena. Ho finito il liceo l'anno scorso con l'intenzione di non voler proseguire con l'università. Nelle vacanze post diploma, in Calabria (dove vado ogni anno perchè ho i miei parenti lì) ho conosciuto un ragazzo più piccolo di me di 2 anni. Me ne sono innamorata e stiamo insieme a distanza ormai da poco più di un anno. Ci siamo visti 3 volte e l'ultima volta e stata quest'estate per un mese intero. I miei ovviamente non approvano questa relazione: "è un bambino, non si può muovere".. Ci sono rimasta molto male del fatto che non lo abbiano neanche voluto conoscere. Ma ciò che mi preoccupa maggiormente in questo periodo e anche nello scorso anno è quello di trovare un lavoro che mi porti a non poter più sentire il mio ragazzo (ci vediamo ogni pomeriggio su FaceTime), a non avere un weekend libero per andarlo a trovare. Questo pensiero mi assila tantissimo, tanto che quando devo mangiare inizio a pensare a questi problemi e mi si chiude lo stomaco. Sono dimagrita di 5 kg e non riesco ad ingrassare perchè non sono tranquilla. Sono una persona timida, non ho molti amici e spesso rimango a casa perchè lo preferisco ad uscire. Non voglio assolutamente lasciare il mio ragazzo, mia madre non sa come aiutarmi anche perchè non vorrebbe nemmeno che stessimo insieme e mio padre peggio che peggio, pensa solo a trovarmi un lavoro. Ho paura di dover vivere la mia intera vita con un lavoro che mi farà schifo e di aver perso l'unica cosa che mi rendeva felice.. Sento che se fossi con lui mi andrebbe bene fare qualsiasi cosa, basta che alla sera possa vedere la sua faccia. I miei pensieri e le mie paure mi danno il tormento. Il mio ragazzo mi dice di non preoccuparmi; mia sorella mi dice che metto prima lui che il mio futuro. Io non so che dirmi per tranquillizarmi.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Paolo Zandomeneghi Inserita il 23/10/2015 - 12:39

Cara Simona,

un anno senza riuscire ad essere serena e un consistente (ma non allarmante) dimagrimento sono sicuramente segnali che qualcosa necessità di essere cambiato nella sua vita, e a 20 anni ne ha tutto il tempo e le energie!
Le difficoltà nella vita sono sempre dietro l'angolo, si devono affrontare e cogliere anche come stimolo per cambiare, per crescere, e per conoscersi. Non succederà niente di catastrofico. Non succederà niente di così grave da negarle la possibilità di essere felice, qualunque cosa faccia. Cerchi di prendere delle decisioni ponderate e lungimiranti, se non funzionassero troverà altre opportunità. A proposito di trovare altre opportunità, mi soffermerei sulla sua timidezza, pregio più che difetto, che se però non è presa nel modo giusto potrebbe portarla a evitare di incontrarle queste opportunità. ESCA! CONOSCA! RIDA! ;.)
Se il suo livello di disagio dovesse perdurare o essere già invalidante le consiglio di parlare con uno/a psicologo/a o psicoterapeuta, non è niente di brutto, anzi.

Cordiali saluti,

Dott. Paolo Zandomeneghi