Laila domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 12/08/2015

Firenze

ansia e forte stress danni fisici

Salve, sono una ragazza di 25 anni circa e sono spesso vittima di ansie e forte stress.
In tutta la mia vita ho sempre vissuto sotto un certo livello di ansia, per problemi vari, come malattie gravi in famiglia o problemi personali come l'ipocondria o gravi carenze di autostima e problematiche nel rapportarsi con gli altri. Nonostante tutto ho sempre retto il carico, senza nessun altro problema (tranne che per periodi di forte depressione). Ogni volta che avevo una crisi, riuscivo sempre a cavarmela. Ma da un anno a questa parte, purtroppo, comincio ad avere delle ripercussioni sul fisico, ovvero ho cominciato a perdere i capelli. Lo specialista mi ha confermato che sono in buona salute e che tutto quello che mi sta accadendo è dovuto alla mia ansia.
Ho provato a fare tecniche di rilassamento o altro, ma non riesco a calmarmi, nei momenti acuti, mi sento mancare il fiato, mi blocco e non riesco a pensare ad altro che a tutti i miei problemi. Di recente ho subito una cura, che non è andata a buon fine e anziché migliorare il mio problema di salute, lo ha solo aggravato e l'idea di ricominciare e spendere nuovamente tanti soldi mi fa star male, inoltre non riesco più a vedermi allo specchio.
Penso di essere una ragazza in gamba, nonostante le mie paure e difficoltà ho studiato all'estero e presto cambierò città, ho sempre fatto tutto da sola, poche volte ho ricevuto aiuto esterni, ma adesso mi sento bloccata, incapace di riuscire sbloccare questa situazione. Non mi vedo attraente e l'idea di perdere una delle poche belle cose che apprezzavo del mio fisico, ovvero i capelli, mi crea un'ansia ancora maggiore.
Cosa posso fare? Quali altre tecniche di rilassamento posso fare oltre la meditazione? è consigliabile che mi rivolga ad uno psicologo per farmi aiutare?
Grazie

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 18/08/2015 - 16:58

Viterbo
|

Cara Laila,

la meditazione e le tecniche che di rilassamento non possono essere utili per lenire il suo disagio che sembra pervasivo e di lunga durata.
Lo specialista di riferimento in questi casi è lo psicologo specializzato in psicoterapia, intervento eventualmente integrato da un trattamento psicofarmacologico (psichiatra).
Comprendo la difficoltà nel chiedere aiuto in una persona che come lei tende a voler tenere tutto sotto controllo, ma come vede questo non è possibile e alla lunga diventa deleterio per il suo equilibrio psicofisico.

>>comincio ad avere delle ripercussioni sul fisico, ovvero ho cominciato a perdere i capelli.<<
come vede il controllo che mette in atto per gestire le sue emozioni non solo non è adeguato, ma è fortemente disfunzionale, tanto da usare il corpo come cassa di risonanza.

>>Di recente ho subito una cura..<<
che tipo di cura ha fatto?
A quale specialista si è rivolta?

>>..l'idea di ricominciare e spendere nuovamente tanti soldi..<<
questo dipende da quanto si sente motivata a risolvere le sue problematiche e dal peso che da al suo malessere.

Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo clinico e forense, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicoanalitica
www.psicologoaviterbo.it

Dott.ssa Stefania Valagussa Inserita il 17/08/2015 - 13:30

Gentile Laila,
lei descrive una situazione di disagio che si trascina da tempo e che nell'ultimo periodo ha iniziato ad incidere significativamente sul suo livello di funzionamento generale...proprio questa consapevolezza, unita alla giovane età ed al fatto che, come si descrive, è una ragazza in gamba sono risorse che è opportuno che sfrutti e metta in campo in un percorso psicologico. Si conceda uno spazio nel quale fermarsi a riflettere sul suo sintomo, sulla sua genesi, sul suo significato e su come si inserisce nel suo funzionamento generale e di esso si alimenta. Solo in questo modo potrà spezzare questa situazione e migliorare la qualità della sua vita. Nel percorso avrà anche l'opportunità di identificare strumenti e strategie ad hoc che le possono essere di aiuto per gestire la situazione contingente,

Cordiali saluti,
Dott.ssa Stefania Valagussa