Daria domande di Alimentazione  |  Inserita il 14/03/2015

Bergamo

perdo il controllo del cibo

Ciao sono Daria,si da piccola mi è sempre piaciuto mangiare... e da quello che ricordo anche alle elementari amavo mangiare a volte anche abbuffandomi... alle superiori poi ho iniziato a fare vere e proprie abbuffate quando pranzavo da sola e poi a volte per compensare saltavo la cena. A sedici anni in seguito ad una delusione amorosa iniziai a vomitare volontariamente per perdere peso... e andai avanti per circa sei mesi... poi a casa venni scoperta e mi aiutarono a mangiare controllata... passato il periodo di "rischio vomito" a casa smisero di darmi il cibo misurato e io iniziai a fregarmene del cibo... rimisi su tutti i chili con gli interessi... adesso ho quasi diciannove anni e a volte mi capita di ricadere nel vomito autoindotto.... non c'è giorno che passa che non penso a mangiare in modo sano ma quando mi siedo a tavola perdo completamente il controllo della situazione e penso solo a cos' altro potrei mangiare dopo aver finito la porzione... ho provato a parlarne con le amiche.. a scrivere un diario su ciò che mangio a mangiare lentamente... ma non funziona nulla... sono alta 160 cm e peso 57 kg... non mi vedo grassa ma vorrei essere più snella... ogni giorno mi prometto di iniziare a mangiare solo ciò di cui ho bisogno ma alla prima occasione sgarro... questa settimana sto ricadendo nel rimedio facile... non so cosa fare... mi sento sola...

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Stefano Iovino Inserita il 16/03/2015 - 20:19

Cara Daria,
le dinamiche legate alla perdita di controllo sono di solito da attribuirsi a difficoltà di ordine emotivo piuttosto che alimentare.
Prova a richiedere l'aiuto di un terapeuta esperto con il quale iniziare a capire il significato della tua sintomatologia.
Vedrai che ne verrai fuori.
Un grande in bocca al lupo,
dott Stefano Iovino

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 16/03/2015 - 00:25

Gentile ragazza,

comprenderai che il vero problema non è che "ti piace mangiare".

E' importante che tu ne parli in famiglia e che ti rivolga ad uno psicoterapeuta della tua città per un consulto.

Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Nappo
Psicologo Napoli
Napoli Soccavo - Pompei - San Giuseppe Vesuviano
http://www.psicodialogando.com/

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 14/03/2015 - 18:14

Cara Daria,
lungi da me voler porre diagnosi online ma, dal tuo racconto, sicuramente emerge un rapporto conflittuale con il cibo.
Tutte le alterazioni del normale comportamento alimentare sono degne di attenzione clinica e non vanno assolutamente sottovalutate.
Ti consiglio dunque di rivolgerti ad uno specialista nella tua città ( psicologo/psicoterapeuta) e di valutare inoltre l'intervento di un nutrizionista: entrambi gli aiuti risultano essere davvero molto efficienti.
Ti faccio un grande in bocca al lupo,

Dott.ssa Valentina Mossa
www.valentinamossa.com
https://www.facebook.com/dottoressavalentinamossa