Sunshine domande di Alimentazione  |  Inserita il 01/02/2016

Bologna

Ora voglio cambiare vita

Salve,
io sono una ragazza di 21 anni. Ho un problema alimentare da quattro anni, e ancora non riesco a uscirne. La verità è che non ho voluto uscirne; la mia maledetta autostima sotto zero mi ha sempre portato a pensare che il mio alla fine non era un problema, ma ora fa veramente troppo male! Non voglio più svegliarmi la mattina con la paura di indossare un jeans perchè potrebbe andarmi stretto; non voglio più digiunare per giorni per poi mangiare una volta come un pozzo senza fondo e provare a vomitare tutto dopo; non voglio più autoconvincermi che senza il mio problema non esisterebbe nemmeno l'amore della mia famiglia; non voglio più guardarmi allo specchio e vomitare sopra quello che vedo; non voglio più credere che il mio ragazzo nel rivedermi dopo un mese di distanza, decida di non stare più con me perchè non sono abbastanza bella; non voglio più vivere in questo limbo dove l'unica via di uscita è un peso minore ai 43 chili. Non voglio rinchiudermi in una qualche comunità o cose del genere; voglio semplicemente liberarmi da questo peso.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Francesca Affatati Inserita il 26/02/2016 - 08:11

Buongiorno Sunshine,
posso immaginare quanto sia "pesante" vivere con un Disturbo Alimentare, quotidianamente!!! Ogni giorno lavoro, con la mia equipe, per prendermi cura di chi vive questo problema e so bene le difficoltà e complicanze che esso comporta.
Ho una buona notizia per te: PUOI GUARIRE! Ma questo prevede impegno da parte tua e del tuo contesto di vita. La cattiva notizia è che da sola o con "la tua forza di volontà" non puoi uscirne.
Pertanto ti invito a prendere contatti con professionisti che lavorano in equipe multidisciplinare (psichiatra-psicoterapeuta-nutrizionista) che si prendono cura a 360 gradi di te del tuo problema alimentare e del tuo ambiente di vita.

Ti Auguro il meglio,
Francesca

P.S. resto a disposizione per chiarimenti o info più specifiche

Dott.ssa Christina Marchetto Inserita il 01/02/2016 - 14:37

Gentile Sunchine,
il problema che lei porta alla nostra attenzione, è di grande rilievo, non si tratta di rinchiudersi in comunità, ma si tratta di fare un lavoro su se stessi e sul proprio corpo, non indifferente, per evitare delle ricadute e delle "conseguenze" spiacevoli.
La invito a rivolgersi al centro disturbi alimentari della sua ASL e di chiedere aiuto nel posto più indicato, nascondersi dietro un dito non serve a nulla e rivolgersi ad altri specialisti non competenti è come andare dall'ortopedico per un dente cariato!
ci vorrà del tempo, ma la buona volontà e l'ammissione di avere un problema sono sicuramente un ottimo punto di partenza.
Le auguro davvero il meglio, a disposizione qualora avesse bisogno.
Dott.ssa Marchetto Christina
www.christinamarchetto.it