Gioco d'azzardo patologico (GAP)

Disagi psicologici
Gioco d'azzardo patologico (GAP)

 

Il gioco d’azzardo patologico (GAP) rientra nell’are dei Disturbi del controllo degli impulsi e rientra nell’area delle cosiddette dipendenze senza sostanza.
 

Il giocatore patologico, infatti, mostra una crescente dipendenza nei confronti del gioco, aumentando la frequenza delle giocate, il tempo passato nell’attività, la somma spesa nel tentativo di recuperare le perdite, investendo più delle proprie possibilità economiche e trascurando i normali impegni della vita pe dedicarsi al gioco.

Il giocatore d’azzardo patologico è eccessivamente assorbito dal gioco (anche a livello di pensieri), diventa irrequieto e irritabile quando tenta di ridurre o interrompere il gioco d’azzardo e può aver tentato ripetutamente, senza successo, di controllare, ridurre o interrompere il gioco.
 

Nell’era multimediale il giocatore d’azzardo patologico è ancor di più vulnerabile. Il gioco online diventa estremamente pericoloso perché dalla solitudine della propria casa, il giocatore non ha freni, né inibitori né di tipo pratico: accesso 24 ore su 24 senza incorrere nello sguardo giudicante degli altri, mancanza della funzione socializzante del gioco, creazione di un circolo vizioso in cui si rimane intrappolati trascurando i rapporti sociali e familiari.

Il gioco in sé rappresenta un’attività umana sana, universale e fonte di creatività. È importante non tralasciare le potenzialità creative dello spirito del gioco (basta pensare a quando eravamo bambini) per poter continuare a farlo, o imparare a rifarlo, da adulti.
 

Su PsicologiOnline.net, attraverso l'aiuto degli specialisti, è possibile affrontare questo tipo di problematiche da un punto di vista psicologico. Non rimandare, contatta ora un professionista, fai la tua domanda o prendi appuntamento con serenità e fiducia. Sono qui per questo.

Psicologi che trattano questo argomento