Mi dispiace, ma non posso

Pubblicato il 14 maggio, 2015  / Psicologia e dintorni
Mi dispiace, ma non posso

 

Ti hanno sempre descritto come una persona buona, gentile, simpatica e sempre pronta ad aiutare gli altri, all'interno della tua cerchia di amici e conoscenti rappresenti un importante punto di riferimento a cui rivolgersi in caso di bisogno; ciò ti fa naturalmente piacere e fai di tutto per esserne sempre all'altezza, gli altri hanno sempre contato su di te del resto, non puoi deluderli.

Quando c'è da accompagnare l'amica in giro per i saldi, quando ti prendi cura del nipotino, quando assecondi gli interessi del tuo partner, mille situazioni e tu ci sei sempre; ti sembra già di sentire “per domani potresti …?” e già la tua voce pronuncia quel Sì, a te tanto familiare, per te è sempre stata la risposta più facile e immediata, ma sai che non sempre è la migliore.

Anche oggi sei arrivata alla fine della giornata e mentalmente ripassi quello che hai fatto e ti accorgi che oggi, come ieri, come l'altro ieri, ogni volta sei sempre piena di impegni, i tuoi (di lavoro e/o studio) e quelli “degli altri” e ogni volta, puntualmente, con una punta di rabbia e molta stanchezza ti riprometti che devi trovare un po' di tempo per te, domani (forse).

Mi dispiace, ma non possoIn certi momenti sembra evidente la necessità e il bisogno di dire di No eppure non ci riesci, hai sempre fatto così, probabilmente per una regola non scritta secondo cui le persone gentili ed educate non dicono mai di No e a cui potrebbero seguire stati d'animo di colpa, di non deludere gli altri, di vergogna, di paura di rovinare un'amicizia se questa regola venisse infranta.

Quando sei stata tu a chiedere un favore o un piccolo aiuto, ti hanno sempre detto di Sì o hai ricevuto anche qualche No? Probabilmente, come tutti noi, avrai avuto anche qualche riscontro negativo e certo ti sarà dispiaciuto, ma hai pensato che l'altra persona fosse maleducata, egoista, che ti avesse deluso o che non meritasse più la tua amicizia?

Spesso si dice che bisogna imparare a dire di No, ma cosa ci permette di farlo? Non è solo una questione di forma, il No porta con sé una valenza emotiva molto forte, equivale a riconoscere a se stessi delle esigenze e a farle rispettare sia a se stessi che agli altri, a mettere un confine. Quando dici di Sì a qualcuno o a qualcosa che non ti piace, stai dicendo di No ai tuoi bisogni e alle cose che più ami.

Facile a dirsi, ma poi ti sembra così difficile rifiutare un favore. Innanzitutto cerca di capire le ragioni profonde che ti frenano: hai paura di deludere gli altri? Di essere giudicata negativamente? Le tue esigenze e i tuoi bisogni non ti sembrano così importanti come quelli degli altri? Successivamente, fissa le tue priorità riscoprendo ciò che è veramente importante per te, dai valore al tuo tempo anche se è solo per prenderti un'ora per riposare e poi incomincia!

E' un percorso che richiede tempo e gradualità la cui meta non è quella di andare all'eccesso opposto e dire sempre no a tutto e a tutti, bensì quella di trovare un maggiore equilibrio tra i propri bisogni e le richieste degli altri. Questo ci permette di sviluppare più fiducia in noi stessi e di affrontare i diversi impegni con una maggiore serenità d'animo.

Riscopri il piacere di dire Sì anche a te stessa.