Libera  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 11/04/2018

Napoli

Ho deciso di lasciarlo ma ho il terrore della sua reazione.

Buongiorno, un anno fa in seguito ad alcuni miei comportamenti e la mia messa in discussione del rapporto con il mio fidanzato (da ben 16 anni e conviventi da 9 anni), lui sentitosi "tradito" deluso, ha reagito in maniera violenta ( ma solo ora lo comprendo): mi ha una prima volta dato schiaffi pesanti sul volto e sulla testa e a distanza di circa 10 giorni mi ha messo le mani alla gola e mentre con una stringeva con l'altra mi riempiva di schiaffi e minacciava di uccidermi se avesse trovato qualche prova che lo avevo tradito (mai fatto)Dopodichè mi ha tenuta chiusa in casa per circa una settimana. Dopo questo volevo solo scappare...MA NON CI SONO RIUSCITA...GLI HO DETTO CHE VOLEVO LASCIARLO...ma ha trovato sempre quelle PAROLE GIUSTE e non sono andata via. Solo sabato ho raccontato quasi tutto a mio padre e mia sorella...non riesco più a continuare...sono poi 10 mesi che in pratica a stento ci parliamo e quasi si sposta se quando lo saluto gli voglio dare un bacio sulla guancia. La mia decisione l'ho presa ma ho paura anzi il terrore di come dirglielo...mio padre mi consiglia di andare via e basta , anzi vorrebbe chiamarlo lui e con una scusa dirglielo...mi consigliano di non dirglielo di persona perchè non si sa la sua reazione. Io non so come agire, so che forse gli sto dando troppa importanza dopo quello che ha fatto, che forse dovrei denunciarlo e tenerlo a distanza, ma come purtroppo tante donne non si trova mai il coraggio..nella mia mente prende solo il sopravvento che facendo così GLI STO SOLO FACENDO DEL MALE...ma non penso al male che mi ha fatto lui....sono una ragazza distrutta...ho vissuto quest'ultimo anno come una prigioniera, non sono stata libera ne nei gesti ne nei pensieri, ho solo assecondato e allontanata per paura di una sua reazione...vi prego di aiutarmi cosa devo fare?
grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 11/04/2018 - 14:50

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Libera,
Mi fa piacere sapere che ha trovato il coraggio di utilizzare questo spazio per esternare il suo malessere, passo essenziale per rendersi più consapevole della situazione.
Considerata la complessità e delicatezza di quanto ha descritto,le consiglio di rivolgersi al consultorio vicino casa che saprà indirizzarla verso il centro antiviolenza più vicino. Qui le sapranno consigliare come muoversi e quindi cosa sia più opportuno fare o non fare, in moda sentirsi al sicuro.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)