Fabrizio domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 28/01/2018

Cuneo

Dubbi e disagio

Buonasera,
ringrazio in anticipo per l'attenzione.
Sono Fabrizio, 31 anni. Da moltissimo tempo ho due dubbi, che spesso mi hanno portato a vivere alcune situazioni di disagio: l'una legata ai rapporti seri e duraturi, l'altra inerente il normale rapporto sessuale.
Prima situazione. Mi ritengo fortunato perchè ho avuto modo di conoscere delle splendide persone con cui poi c'è stato un legame sentimentale. Col passare del tempo, quando la storia diventa più seria, mi affeziono sempre di più, diventando anche sempre più dolce. In sintesi, provo un bene infinito per quella persona. Ma, dal punto di vista sessuale, pian piano tendo a provare meno attrazione, come se sentissi o il bisogno di farlo di meno o comunque andare "alla scoperta" di un nuovo corpo.
Il problema è che è accaduto già più volte (per fidanzamenti di circa un anno e mezzo/due) e mentalmente finisco sempre per pensare che tanto risuccederà.
So che potrebbe succedere a molte donne e uomini, ma in casi come questi che consigli date? Devo semplicemente seguire e "arrendermi" a questo mio modo di essere o esiste qualche dritta?
Seconda situazione. Spesso mi è capitato di avere dei rapporti saltuari. Un fatto increscioso è l'aver avuto delle defaillance (poche per la verità). mentalmente, erano dovute al fatto che, quando per l'eccitazione inizio a bagnarmi, poi non so perchè ma è come se mi vergognassi (provo a immaginare, ma il motivo potrebbe essere altro) e non riesco a mantenere bene l'erezione.
Per quali motivi può accadere? Cosa è consigliabile?
Vi ringrazio e porgo i miei cordiali saluti,
Fabrizio

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Pierluigi Salvi Inserita il 29/01/2018 - 12:23

Ciao Fabrizio,
mi esento subito da darti consigli, gli psicologi non lo fanno. Mi permetto però di offrirti alcune informazioni e fantasie personali sui vissuti e sulla situazione che riporti, anche se naturalmente sarebbe indispensabile una conoscenza diretta e più approfondita dei tuoi vissuti soggettivi.
Sia per quanto riguarda la tendenza a perdere progressivamente interesse verso il partner con il passare del tempo, sia per il fattore erezione nel caso di altri rapporti, ti posso dire che la sessualità è come un piccolo animaletto domestico che ha bisogno di essere mantenuto in forma, soprattutto attraverso il gioco e la stimolazione della sua curiosità. Se il sesso è incentrato sulla performance della prestazione rischia inevitabilmente di generare ansia, in quanto si tende ad andare alla ricerca di un risultato che per sua natura può essere o non essere raggiunto e che comunque presenta delle difficoltà nel suo ottenimento. L'ansia molto comunemente è alla base delle difficoltà di erezione. Al contrario, se il sesso è concepito come gioco e divertimento risulta esente da ansia in quanto non si pone risultati da raggiungere se non il piacere.
La curiosità molto spesso è invece il fattore che riesce a rinnovare continuamente i rapporti sessuali. Stimolare la curiosità sessuale può significare sperimentare novità nel rapporto, oppure tentare di viverlo in modo diverso, magari più profondo o intenso, più dolce e delicato o al contrario più forte ed irruento, o semplicemente condividere gli stati d'animo e le fantasie ad esso collegate. Spesso quando i rapporti si standardizzano e divengono ripetitivi nei loro atti fisici e mentali si rischi di perdere interesse ed allontanarsi.
Spero di esserti stato utile.
Rimango a disposizione per ogni altra richiesta.
Un saluto
P. salvi