filippo domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 03/11/2014

Ancona

dipendenza da feticismo / dominazione femminile

Salve, ho 24 anni e sono dipendente sin da bambino dal feticismo dei piedi femminili. Con l'avvento della pornografia online ho trovato grosso sfogo per la mia passione per i piedi, che si è trasformata o semplicemente è venuta fuori totalmente, in una vera passione smisurata per la dominazione femminile, con particolare riferimento a footworship, facesitting e headscissors anche estremo. Mi eccita tantissimo la dominazione femminile su un uomo (escluso però lo strap-on che mi fa ribrezzo). Non ho mai vissuto ciò come un problema fin quando 3 anni fa conobbi la mia ragazza. Da lì capii che 1)ero un pornodipendente e 2)queste mia parafilia era un problema: non sono mai riuscito in 3 anni a fare l'amore normalmente con lei, quasi tutte le volte che ci ho provato col preservativo, perdevo presto l'erezione. all'inizio imputavo la colpa al preservativo, ma mi sa tanto che questa parafilia è il vero problema (non ho avuto la possibilità di provare senza profilattico, immagino mi avrebbe aiutato visto che ho necessità di sentire contatto..ma la mia ragazza non vuole prendere la pillola). Ci ho provato varie volte e poi sarà entrato in gioco anche l’elemento angoscia di sapere di perdere l’erezione che influiva su ogni successivo tentativo. Amo la mia ragazza, nei 3 anni ha continuato ad adattarsi alle mie pratiche scritte sopra (con le quali ho erezione e coiti regolari) avendo pazienza e sperando che un giorno riuscissimo ad avere quel rapporto con penetrazione che mi richiedeva. Ora mi ha lasciato. vorrei recuperarla, devo togliere dalla testa le mie parafilie e trovare nella penetrazione la stessa eccitazione che adesso trovo nelle mie perversioni (premetto che avevo già smesso di guardare porno da 2 anni pensando si risolvesse tutto..). Voglio guarire :(

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Carla Maria Brunialti Inserita il 22/11/2014 - 17:50

La consiglio di rileggersi anche le numerose risposte ottenute su un altro sito.

Dott.ssa Emanuela Carosso Inserita il 22/11/2014 - 10:28

Penso che il solo modo per tentare di risolvere il suo problema sia intraprendere una psicoterapia con un collega specializzato in sessuologia. Il percorso potrebbe essere lungo, ma le possibilità di su cesso compenserebbero l'impegno richiesto. Auguri.