Debora domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 21/11/2016

Venezia

Marito triste

Buongiorno, mi chiamo Debora ed ho trent' anni. Da un anno, con mio marito, cerchiamo un bambino che non arriva, tanto che gli ho detto che voglio godermi le cose e se è destino che arrivi, arriverà. Lui ieri mi ha confessato che lo desidera,però ha un nodo difficile da sciogliere che riguarda la sua famiglia.. suo fratello e la moglie hanno problemi, tanto che due dei loro figli sono stati affidati e uno dato in adozione. Il punto è che lui su sente responsabile e ogni volta che ne parla piange. Avevano offerto a noi di adottare il piccolo, ma conoscendo il fratello ho detto di no, tanto più che abitiamo ad un km di distanza e lo avrei avuto sempre tra i piedi. Come posso aiutare mio marito ad essere più sereno? Io gli ho detto che deve amare i suoi nipoti, ma non è suo padre e non deve accollarsene la vita, perché la sua famiglia sono io.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Cristina Giacomelli Inserita il 23/11/2016 - 10:56

Gentile Debora
la sua è una situazione alquanto complessa, ma una cosa risulta subito evidente: al di là del fatto che la vostra scelta sia stata giusta o meno, suo marito ne soffre molto. Si tratta della sua famiglia, di suo fratello e i suoi nipoti, e unito al fatto che non ancora riuscite ad avere un figlio vostro, il peso è diventato per lui ancora maggiore. Parta da questo presupposto e non squalifichi, seppur involontariamente, il dolore di suo marito. Ne parli con lui, lo lasci sfogare, chiarire le sue ragioni: il dolore va affrontato e vissuto pienamente perchè solo così potrà poi essere superarato ed elaborato. E' come se lui stesse vivendo due lutti, quello di un figlio mai nato e la perdita di un figlio possibile (suo nipote).
Lei ha ragione quando dice che lei è la sua famiglia ma, come moglie, deve accogliere il dolore di suo marito e sostenerlo. Ognuno reagisce agli eventi della vita in modo strettamente personale; evidentemente in questo caso lei ha reagito in modo diverso rispetto a suo marito.
Il mio consiglio è quello di rivolgervi ad uno psicoterapeuta , in grado di supportare suo marito in questo momento difficile della sua vita.
Vi auguro il meglio e resto a disposizione
Cordialmente

D.ssa Cristina Giacomelli
Lanciano (CH) - Pescara

Dott.ssa Monia Pompili Inserita il 21/11/2016 - 14:35

gentile dsignora Debora, data la complessità della situazione, la invito a riflettere sul fatto che se è vero che suo marito non è il padre dei suoi nipoti lei non Debora non è la madre di suo marito. sono a sua disposizione per qualsiasi chiarimento. cordiali saluti Dott. Monia Pompili