Giulio domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 30/08/2016

Lucca

Assenza eccitazione

Buongiorno, Ho 24 anni, mi sono lasciato dopo 6 anni di relazione e ho iniziato a riscontrare un grosso problema. Sono un ragazzo molto ma molto ansioso e emotivo, tenevo tanto alla relazione e quando ci siamo lasciati non è stato un bel momento (6 mesi fa), ci siamo lasciati di comune accordo perché non era più una relazione sostenibile data anche la distanza, ma io ero ancora innamorato ( e forse lo sono ancora, ma voglio voltare pagina e ho già fatto molti miglioramenti). Essendo un ragazzo carino ho da subito avuto altre opportunità, però al momento dell'atto sessuale non sono mai andate bene. Durante la relazione con la mia fidanzata non ho mai avuto problemi di nessun tipo, sempre rapporti sessuali durevoli senza inconvenienze, le due volte che ho tradito la mia fidanzata l'ansia mi ha fatto sempre un brutto scherzo. Quindi appena lasciato avevo già la paura di non ripoter avere un rapporto normale. Invece alla prima occasione post chiusura del rapporto le cose non sono andate malissimo, mancava l'eccitazione, ma con un preliminare rapporto orale sono riuscito a mantenere l'erezione e concludere il rapporto, ma mi accorgevo che qualcosa non andava. Dopo altre occasioni e dopo aver analizzato il problema sono arrivato al punto: mi manca l'eccitazione, mentalmente mi può piacere il fisico di una ragazza, mi può piacere un video porno ma non ricevo stimoli nell'apparato genitale, posso aver voglia di masturbarmi, vado in bagno e a differenza di prima, solo con la vista del video non riesco ad avere l'erezione, e lo stesso vale nel rapporto sessuale, se la ragazza non pratica uno stimolo fisico (rapporto orale) non riesco ad avere un erezione e molto spesso comunque dura ben poco appena inizio il rapporto. Mi so accorto che mi manca proprio la concentrazione e l'eccitazione. Il problema sta diventando serio perché è come un cane che si morde la coda e più va avanti e peggio mi sento emotivamente. Ci sono esercizi o consigli che mi potete dare per iniziare a uscirne? Se ne potrò uscire...

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 30/08/2016 - 21:26

Gentile Giulio,
lei non si dice sicuro di aver dimenticato sentimentalmente la ex partner. Questo potrebbe essere un fattore importante per la sintomatologia.
Le consiglio pertanto di approfondire il tema con uno/a psicologo psicoterapeuta; una semplice consulenza può essere sufficiente per capire meglio il suo stato d'animo.
Potrebbero poi esserci meccanismi d'ansia che si autoalimentano e peggiorano i sintomi.. Anche per essi esistono terapie psicologiche adatte a contrastarli e bloccarli.
Cordiali saluti

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 30/08/2016 - 13:32

Buongiorno Giulio, purtroppo c'è il rischio che qualsiasi consiglio dato senza conoscere in modo più dettagliato la sua storia risulti poco adatto a lei e in alcuni casi potrebbe essere anche controproducente.
Ad esempio lei descrive un problema molto specifico relativo alla sfera sessuale, ma in realtà potrebbe trattarsi di qualcosa di ben più ampio connesso al suo essere molto ansioso ed emotivo (lei stesso dice che l'ansia le ha sempre fatto un brutto scherzo). In tal caso tralasciare questo problema più generale potrebbe allontanarla dalla soluzione definitiva. Ovviamente si tratta solo di una delle possibili ipotesi che, come le altre, dovrebbe essere ulteriormente approfondita prima di poter individuare le soluzioni più adatte alla sua situazione.