mario domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 22/03/2016

Milano

Paura del rapporto di coppia o single convinto?

buongiorno,
ogni tanto mi faccio questa domanda a cui non riesco a dare una risposta, più per curiosità che altro.
devo fare alcune premesse: sono un uomo di 35 anni e nella mia vita sono quasi sempre stato felicemente single tranne pochi anni da 21 a 24 dove ho vissuto il periodo peggiore della vita, guarda caso l'unico periodo in cui ho avuto una relazione fissa che verso la fine mi ha portato anche alla depressione perchè stavo facendo una vita che non era quella che volevo. il primo anno da single è stato un po complesso perchè era necessario eliminare le tossine ma poi sono tornato me stesso e dai 25 ad oggi posso dire di aver vissuto il periodo più sereno della mia vita. da giovane purtroppo sei dipendente da altri e certe scelte sono imposte anche nelle amicizie per situazioni logistiche e di famiglia ma da adulto single puoi fare quello che vuoi quando vuoi e questo per me è semplicemente fantastico. forse non ho problemi anche perchè ho molte conoscenze che però non hanno lo stesso assillo del partner quindi una volta terminati gli impegni di lavoro (vorrei fare carriera) e hobby subentra un po di noia (situazioni rare visti gli assidui impegni) che riesco a coprire appunto con le molte conoscenze. in ogni caso preferisco fare una giornata da solo piuttosto che un impegno imposto da qualcun'altro ma che non voglio fare pur di essere in compagnia, insomma sono più sereno quando faccio quello che voglio rispetto a fare qualcosa forzatamente ma almeno c'è la compagnia.
vedo che sono più le altre persone che ti guardano come un diverso perchè non riesci a crearti una relazione stabile, come se fosse una malattia l'essere da soli ed anche la famiglia pressa (in questo contesto devo dire di aver avuto una famiglia che purtroppo ha sempre cercato di imporre insistentemente anche se in modi pacati quello che dovrei fare, cosa che sono riuscito parzialmente a cambiare da una decina d'anni, non so se questo possa influire).
io parto da questo concetto, l'amore quello delle favole non esiste e chi lo cerca sta già male in partenza perchè perde tutto il resto della vita reale. l'amore è quello del genitore verso il figlio mentre quello delle coppie è tutt'altro e quando le guardo dall'esterno vedo più che altro un'esigenza di "sistemarsi" più che sentimentale vera e propria con persone che più delle volte tendono ad annullarsi a vicenda spesso divorziando, sembra che il partner serva per coprire le forti carenze della loro vita ma io credo che se non stai bene con te stesso, coprire questo con una coppialla fine peggiori la situazione, di contro ci sono anche rare coppie che si sono letteralmente "trovate".
la mia domanda è, a me non dispiacerebbe trovare una donna indipendente, consapevole di queste cose e che quindi agisca di conseguenza creando un rapporto che non distrugga la vita delle due persone ma che al massimo la migliori ma purtroppo vedo che quando frequento una persona molto spesso il partner è un modo per coprire una situazione di infelicità e questo mi mette ansia perchè io non ho bisogno di un'altra persona che scarichi su di me quello che vuole fare, ma una persona che stà bene con se stessa e che vuole migliorare la situazione arricchendo la vita con una persona interessante.
ps: non è una questione di sesso perchè da single le occasioni ci sono, quello non è assolutamente un problema.
detto ciò, la realtà è che la coppia non fa per me o manca solo la persona giusta? a questo non riesco a rispondere.
ammetto che lasciare una serenità certa attuale di poter fare quello che si vuole per rischiare un rapporto che probabilmente può peggiorare la serenità attuale un po mi crea problemi (soprattutto se si incontra una persona che non riesce a tenere fuori la propria famiglia dalla vita di coppia e che pretende dei figli che non ho nessuna intenzione di avere per ora)

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Loredana Ragozzino Inserita il 22/03/2016 - 18:25

Salve Mario,
ritengo che scrivere nel portale sia per lei una richiesta di aiuto a capire cosa è meglio per lei. Allo stesso tempo c'è una sorta di contraddizione in ciò che scrive: (sta bene da solo e le coppie non le vede di buon occhio, non ama stare in compagnia, ma non le dispiacerebbe trovare una donna indipendente). Sappia Mario, che nessuno può sapere se la persona che si frequenta è quella giusta o meno; ma lei parla a priori della possibilità di una donna che possa potenzialmente distruggere un rapporto di coppia. Non è così netta la cosa, perchè nella coppia si è in due dove entrambi possono fare bene o fare male (con tutte le sfumature del caso).
Riferisce di un'unica relazione importante di lei poco più che ventenne, Sarebbe interessante indagare il suo vissuto relazionale sia di coppia dell'epoca che suo personale. In genere stare con un'altra persona dovrebbe far star meglio e non peggio, è una sorta di completamento.
Solo esperire un rapporto di coppia potrà darle le risposte che cerca.
Lungi da me giudicare cosa se è giusto stare in coppia o meno; io son qui solo per aiutarla a farla stare meglio e a comprendere certi meccanismi che però necessitano di un approfondimento attraverso una consulenza psicologica.
Resto a disposizione per chiarimenti.
Cordialmente,
D.ssa Loredana Ragozzino