Angelo domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 23/01/2016

Como

Quando il marito va in vacanza

Buongiorno,
il mio è un caso disperato. Siamo sposati da 22 anni + 3 di fidanzamento.
In tutti questi anni non sono stato in grado di conoscere realmente la persona con cui ho condiviso un quarto di secolo. dopo la nascita di nostra figlia pretendeva che io condividessi ed accettassi l'idea che lei potesse frequentare un corso di pasta di sale con i seguenti orari: dalle 21,00 alle 2400 . io non dissi nulla ho subito questa sua decisione per non sembrare il classico meridionale geloso e ostile alle richieste di una donna giovane mamma di una bellissima figlia di 2 anni. La stessa estate quindi dopo pochi mesi, accusava un forte stress, e con largo anticipo sulla data delle ferie, mi disse che avrebbe preferito restare a casa , e che io e la bambina potevamo andare da soli in vacanza. In un primo momento acconsentii alle sue richieste pensando che lei fosse davvero bisognosa di un po' di relax. forse io e la bambina oltre il suo lavoro da impiegata statale , l'avevamo stressata . Ho cercato di farle comprendere che in vacanza poteva rilassarsi meglio, accanto al proprio marito e alle coccole e l'amore della bambina e di suo marito. non ha voluto saperne.ha accettato di stare con noi soltanto la prima settimana in villaggio , poi lei è ripartita da sola per restare 20 giorni circa da sola in casa.
Da questi primi anni , cominciano le sue ANSIE, DEPRESSIONI, MANCAMENTI IN UFFICIO,RICOVERATA PIU' VOLTE IN OSPEDALE PSEMPRE PER MANCAMENTI. NON SI CONCEDEVA NEL LETTO CONIUGALE, PER LEI IL SESSO NON ERA IMPORTANTE. ALMENO COSI' DICEVA. HA COMINCIATO A SMARRIRE OGGETTI IMPORTANTI, chiave della cassaforte ,suoi gioielli, oggetti che usiamo tutti i giorni. e poi mente spudoratamente senza mai darmi delle risposte logiche .
Ma che sono io a pensare sempre a male, che i miei pensieri sporchi inducono lei a cadere in depressione. Insomma la colpa per lei è solo e sempre la mia. adesso lei si è recata da un avvocato per la separazione. Ieri ho provato a domandarle di CONCEDERMI quello che da anni le ho sempre detto un appuntamento con un /una professionista che possa darci un aiuto affinche entrambi possiamo prendere visione dei nostri problemi. con la sua collega al telefono che poverina attendeva l'ok per un appntamento lei rispose che alle 15,40 non poteva in quanto in nel suo ufficio ha una mole di lavoro importante da evadere . Secondo lei è il caso di continuare o forse è un bene concordare la separazione?
La ringrazio sin d'ora per il tempo che mi ha dedicato.
cordialmente
Angelo

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Christina Marchetto Inserita il 26/01/2016 - 14:14

Gentile Angelo, le suggerisco di proporre nuovamente la terapia di coppia con sua moglie per comprendere meglio dopo 22+3 anni come siete arrivati a questo punto, quali sono le mancanze o le affezioni che ognuno di voi ha portato in questa relazione.
Le suggerisco inoltre, nel caso tale terapia non andasse a buon fine o sua moglie non fosse d'accordo, di iniziare un percorso di terapia lei, per essere sostenuto adeguatamente in fase di separazione, non solo dal punto di vista legale, ma anche emotivo. Un importante cambiamento per la vostra vita!
a disposizone, Dott.ssa Marchetto Christina
www.christinamarchetto.it

Dott.ssa Loredana Ragozzino Inserita il 24/01/2016 - 00:41

Caro Angelo,
lei ha fatto un quadro preciso della situazione. In base ai dati che fornisce, consiglierei una terapia di coppia e una individuale per sua moglie.
Purtroppo sembra che sua moglie abbia molte resistenze a riguardo.
Comunque lei può sempre decidere per sè stesso per fare una terapia individuale. Dopo le varie vicissitudini e la situazione attuale di tensioni, le sarebbe di grande aiuto.
Tramite la terapia psicologica sarà aiutato e sostenuto nella comprensione della strada migliore da fare, e di conseguenza nella scelta di continuare o meno il matrimonio, ma la scelta rimane sua caro Angelo. Resto a disposizione.
Auguri per tutto. Cordialmente,
D,ssa Loredana Ragozzino