Aldo domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 03/12/2015

Sassari

Ho dato troppo e adesso rivoglio la mia vita

Ciao... Ho 33 anni e sono troppo innamorato di quella che era la mia migliore amica.
Dico "era" perché ho fatto un casino.
Ne ero preso e all'inizio della nostra amicizia e le avevo subito detto che mi stavo prendendo una cotta. Lei era stata chiara... Mi vedeva come amico e vedendola come una persona importante ho dimenticato ed è iniziato un bel rapporto di amicizia. Siamo tutti e due bartender professionisti. Lavoravamo assieme ma poi lei era stata licenziata ed è andata a lavorare da un altra parte ma abbiamo continuato a frequentarci.
Le è' andata male anche nell'altro lavoro e aveva problemi pure a trovare una stanza perché dormiva da delle amiche e gli affitti a Londra sono pesanti. Io nel frattempo ho trovato x me un buon lavoro dove prendevo il doppio. Premetto che vivo a casa del mio migliore amico, e' una bella casa e pago l'affitto con un prezzo amico. Vedendola in difficoltà e liberandosi una stanza le ho proposto di venire qua' ad abitare...primo errore!! Ma non bastava, le ho fatto un posto pure nello stesso posto dove lavoro... Secondo errore!! E' iniziato subito ad andare male tutto..lei si scocciava delle mie troppe attenzioni e' ha iniziato ad innervosirsi e a rispondermi male. A quel punto mi sono accorto di essere un pochino troppo geloso e di esserne innamorato. È' andata a finire che gliel'ho detto e abbiamo bisticciato col risultato che non ci siamo parlati per un mese. Lei è molto bella e ha un carattere forte ed è simpatica. La vedevo fare amicizia con tutti i colleghi e per lasciarle gli spazi mi sn messo da parte. Dopo un mese abbiamo fatto pace e le ho detto che ero tornato, che per lei provavo una forte amicizia e che mi ero confuso. Intanto lei ormai aveva instaurato nuove amicizie e non è' riuscita a tornare l'amica di prima. In un primo momento ero contento così ma poi ho iniziato a starci male. Le ho mandato tanti messaggi facendole notare come si era allontanata da me ma per lei erano solo cattiverie e mi rispondeva che non voleva ricevere questo tipo di messaggi però lasciandomi irrisolto mentre lei si faceva simpatica e disponibile con tutti tranne me. Poi non mi ha proprio più risposto e mi ha lasciato a scrivere lunghi messaggi senza mai una risposta e ha iniziato ad odiarmi. Ora mi ha proprio bloccato e il suo ultimo messaggio mi dice chiaro che non siamo più amici, che non vuole ricevere più messaggi e mi ha proprio bloccato. Le ho di nuovo detto che ne sono innamorato e dato il fatto che ora se lo può permettere, le ho chiesto di cercarsi in altra casa dicendole che a questo punto avevo bisogno di riprendermi i miei spazi per dimenticarla ma mi ha risposto che la sua vita non la cambia per me solo perché non riesco a fare l'uomo. Ho smesso di parlarle e di salutarla dicendole che avrei fatto così sono al giorno che se ne fosse andata. Sono distrutto e sto soffrendo come un dannato e ho bisogno di un aiuto.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Inserita il 04/12/2015 - 13:47

Buongiorno Aldo,
la prima cosa che vorrei chiederle è se ha riflettuto sul perché Lei abbia insistito nel tempo con una persona che era stata chiara con Lei sin dall'inizio. L'innamoramento può certamente spiegare alcuni comportamenti, ma non tutti quelli che ha avuto (soprattutto perché sembra che la storia sia durata parecchio nel tempo).

Il consiglio che le do è di concentrarsi su se stesso, tralasciando l'"oggetto del desiderio", sforzandosi di cercare i significati dei suoi comportamenti.

E' chiaro che era innamorato, ma la ricerca che ha messo in atto (cioè cercare di far cambiare idea alla sua amica in modo da avere una relazione sentimentale con Lei) potrebbe avere motivazioni di base diverse dal sentimento che prova per questa persona.

Ad esempio, potrebbe essere legata ad una mancata accettazione del rifiuto, sicché gli sforzi erano volti sicuramente ad avere una relazione con Lei, ma anche a negare il rifiuto iniziale.
Un altro motivo potrebbe essere il classico paradosso di chi spera in una relazione e si espone solo quando è certo di non avere speranze. Come vede ci possono essere molte ragioni, che vanno al di là del sentimento, che comunque prova.

Una volta compresi i motivi che stanno alla base di questa ricerca, le emozioni che l'hanno guidata, potrà liberarsi, avendo pensieri ed emozioni diverse, ed andare avanti, ma soprattutto non le capiterà nuovamente.

Se volesse, potrebbe farsi aiutare da uno psicologo con qualche seduta, anche online, in modo da comprendere meglio cosa sia scattato nel momento in cui ha capito che non poteva avere una relazione con la sua amica, e che l'ha bloccata per un tempo notevole, non consentendole di viversi la sua vita sentimentale in modo sereno.

Cordialmente,
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino
Psicologa, Roma
www.nonosolofreud.it