Stefania domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 01/12/2015

L'Aquila

Tradimento

il titolo è un classico...forse la situazione più classica che spesso vi tocca ascoltare..ovviamente avrete già sentito dire anche da chi tradisce che non avrebbe mai pensato..mai e poi ma di farlo!
Ho 33 anni, sono sposata da 6 anni con un uomo che io ho voluto con tt le mie forze...un ragazzo buono, simpaticissimo, un padre amorevole e marito altrettanto se non fosse che ultimamente non è piu cosi affettuoso e passionale con me...
ora non voglio sottolineare questo però...non voglio giustificare cio che mi è successo.
ecco...cosa mi è successo? in pratica mi sono totalmente invaghita di un ragazzo di 23 anni,un ragazzo che lavora nel negozio affianco casa mia!
Mi sono persa nei suoi occhi in modo assurdo e ovviamente sono stata corrisposta da lui...insomma alla fine ho ceduto cavolo, meschinamente ho ceduto a questa passione.
la cosa è piu complicata di cosi...questo ragazzo è convivente di mia cugina e aspettano una bimba che nascerà a breve..ci promettiamo ogni giorno che sia l'ultimo ma io non sto nella pelle per vederlo, per scrivergli...sto male, sono distratta, piango poi rido, ho voglia di uscire con lui, ho sbattuto con la macchina insomma un macello...io ho una figlia e devo badare a lei mi ripeto sempre che devo chiudere!!aiutatemi vi prego!!

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino Inserita il 02/12/2015 - 13:52

Salve Stefania,

le motivazioni che possono portare ad un tradimento possono essere tantissime. Senza conoscerla e porle delle domande mirate, è difficile aiutarla a comprendere le sue.

Ci sono casi di fragilità dell'autostima che si poggia eccessivamente sulle attenzioni del partner, per cui, se per qualsiasi motivo, anche temporaneo, questa base viene a mancare, si crea uno squilibrio che il soggetto sente di dover subito ripristinare, anche se con un'altra persona.

Oppure ci possono essere problemi di comunicazione con il partner, talvolta improntata più sull'abitudine che non sulla vicinanza emotiva.

O ancora uomini e donne che si sono ritrovati sposati e con figli perché hanno considerato quell'impegno un "percorso obbligato", senza tuttavia "sentire" quelle situazioni come "scelte personali, proprie", vivendole quindi con un grado di responsabilità diverso.

Si tradisce anche perché in passato non si sono mai fatte esperienze sessuali diverse, per vendetta, per sentirsi giovani e spensierati, per un diverso grado di maturità relazionale, per sopportare con una sorta di compromesso situazioni pesanti e complesse, ecc..

Come vede, sono davvero tantissime e molto diverse le motivazioni che possono portare al tradimento e spesso non si tratta di una singola ragione.

Quello che invece vorrei farle notare è che, il fatto stesso che Lei voglia conoscere le sue personali motivazioni, è già un importante passo avanti per riuscire a cambiare la sua vita.
E' una direzione giusta per riprendere le redini e fare delle scelte consapevoli, qualsiasi esse siano.

Da quello che sembra, Lei per prima non se lo aspettava ed ora l'esigenza di capire le serve per chiudere.

Intanto cerchi di allontanarsi dal vortice quel tanto che basta per recuperare lo spazio e il tempo per comprendere meglio le sue emozioni, quello che sentiva quando è cominciata, quello che sente adesso e immagini come sarebbero queste emozioni se dovesse chiudere oggi.

Se volesse approfondire, potrebbe decidere di contattare uno psicologo ed effettuare qualche colloquio che l'aiuti a fare chiarezza, nella tranquillità del segreto professionale.

Cordialmente,
Dott.ssa Anna Patrizia Guarino
Psicologa, Roma
www.nonsolofreud.it