Stefania domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 08/10/2015

Sono ossessionata

Salve a tutti, sto passando un periodo molto duro.
Ho una relazione con il mio partner da 8 anni, prima eravamo amanti poichè entrambi sposati ora, da un anno e mezzo, siamo una coppia a tutti gli effetti.
Non nascondo che questi anni sono stati duri per me e ho alternato momenti di euforia a sconforto più nero.
Io mi sono separata nel 2011, lui l'anno scorso è venuto allo scoperto con la moglie.
Ho sofferto molto il fatto che per tanti anni lui non ha fatto il grande passo e ha preferito vivere nell'ombra. Ma io lo amo per cui ho deciso, tra alti e bassi di rimanere al suo fianco. I problemi economici che bloccavano questa situazione erano tanti per via di un’azienda intestata alla moglie e soprattutto il problema piu grande era quello di perdere le due figlie.
Il suo rapporto con la moglie era strano, non so se lei era rassegnata o indifferente, ma gli permetteva di fare quello che voleva. Il fatto è che lui ha avuto varie amanti, incontri con escort e altre cose che non ho voglia di citare. Io sono l'unica a sapere queste cose del suo passato e non so aimè se sia un bene! Cmq l'ho sempre tenuto un po' sotto controllo, ci sono stati due casi in cui ho dubitato molto: una volta per dei messaggi che ha mandato a due donne e adesso per delle email che si è scambiato con dei tizi ad un sito di incontri (tutti uomini) ma non ho la certezza che mi abbia tradito.
Questa cosa mi fa soffrire molto, continuo a chiedermi quale sia la mia responsabilità… e perché mi abbia fatto questo.
Abbiamo parlato, lui dice che è solo un gioco, un modo per capire come funzionano certe cose, pura curiosità. Lui dice che io e le figlie siamo le persone più importanti. Lui dice di non cercare niente e che facendo un’analisi del nostro rapporto crede che abbiamo perso quei momenti per noi soli, che ci concedevamo quando non eravamo una coppia ufficiale…
In effetti il lavoro ci assorbe molto, ed ora lavoriamo insieme anche se con ruoli diversi e ci vediamo poco.
Una volta ogni momento libero era buono per vedersi, il pranzo per esempio, ma ora sono sempre da sola!
Tutto questo ha suscitato in me una forte paura di essere abbandonata e questo mi sta creando una gelosia morbosa dalla quale non riesco a scrollarmi… sono ossessionata, quando vedo che si collega su whatsup, quando torna tardi, quando la sera riparte per andare a lavorare… non so come superare tutto questo.
La mia paura più grande è quella di essere presa in giro. Sento di avere fatto molti sacrifici e aver sofferto molto prima di poter essere la sua donna ufficiale e mi sento non apprezzata per questo.
Voglio uscire da questo incubo che mi attanaglia. Come posso fare?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Arcangela AnnaRita Savino Inserita il 08/10/2015 - 20:08

Gentile Stefania, la relazione di coppia raccontata è molto delicata, non si può "sviscerarla" in poco tempo. Voglio e posso solo farla riflettere su un aspetto: per otto anni avete avuto una relazione clandenista. La vostra relazione godeva di vivacità e brio nello "sfidare" e "superare" gli ostacoli che si ponevano al vostro rapporto ma che allo stesso tempo costituivano fonte di eccitazione emotiva per entrambi, sopratutto o più per il suo attuale compagno. Se riflette la vostra relazione una volta ufficializzata ha iniziato ad andare in sofferenza. A ciò si sono aggiunti l'essere venuta a conoscenza dei comportamenti del suo uomo improntati alla ricerca dell' "oscuro", di cio' che è nascosto e di situazioni "proibite" dalla norma sociale, come è anche una relazione ufficiale di coppia. Il suo sconcerto e il suo timore sono leciti. La invito a riflettere su com'è nata la vostra conoscenza, poi relazione e di analizzare i comportamenti del suo partner con più obiettività a partire dell'esame dell' inizio del vostro rapporto fino ad oggi. L'amore oltre ad attivare emozioni e sentimenti stimola la difesa ad essi quando captiamo un pericolo o minaccia al rapporto. Ecco lei sente minacciata l'integrità della relazione e di conseguenza dei suoi sentimenti. Rifletta piu' approfonditamente su quanto ho accennato, sulla ricerca da parte del suo partner delle relazioniv"nascoste" e vedrà che riuscirà ad affrontare la situazione con il suo uomo con più coscienza e consapevolezza dello stato di coppia.
Le auguro di raggiungere le giuste comprensioni per vivere con più serenità la sua vita attuale.

Per ulteriori confronti può scrivermi.

Dott.ssa Arcangela Annarita Savino