Carlo domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 02/08/2015

Parma

La mia ex e il mio migliore amico

E' il cliché più antico del mondo. Io e lei ci amiamo; io e lui siamo grandi amici; io e lei ci lasciamo; lei e lui passano da grandi amici ad innamorati.
Nella mia vita è la seconda volta che mi capita; prima a 22 anni; adesso a 28. Le cose sono due: o sono troppo buono io, o le persone sono infide per natura. Sta di fatto che loro, a mio parere sarebbero una bella coppia; ma il pensiero dell'essere stato tradito; circuito mi lacera dentro. Nonostante si conoscessero da qualche anno, l'amore pare sia nato casualmente, in meno di un mese e per via telematica. Io sono sempre stato diffidente verso gli amori che nascono in chat, sebbene in passato sia capitato anche a me. Sta di fatto che non credo affatto che un amore possa nascere così e in così poco tempo. A questo punto io sono combattuto; tengo ad entrambi, ma provo un odio indescrivibile. Li odio perché loro erano a conoscenza di ciò che ho passato a 22 anni ( quando mi è successo l'episodio simile ) e li odio perché mi sento tradito. Ma ripeto, secondo me loro farebbero una bella coppia e questo mi fa davvero paura. Un giorno mi dico: " Li perdono " un altro " Li odio " . Ma c'è davvero qualcosa da perdonare? Perché tratto sempre male le persone che amo? In tutta la mia vita ho sempre trattato male le mie fidanzate ( male nel senso che vivevo male la relazione ) per poi pentirmene quando si stufavano. Io sono una persona dall'indole pessimistica, uno che rimugina; sempre calmo e quindi reprimo e poi sbrocco. Ammetto di non essere la persona più adatta con cui vivere. Vivo all'ombra dei miei sogni e dell'impossibilità di riuscire ad ottenerli. Come posso davvero trovare " Quella giusta " e la felicità?

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 16/08/2015 - 14:49

Viterbo
|

Gentile Carlo,

>>Perché tratto sempre male le persone che amo? In tutta la mia vita ho sempre trattato male le mie fidanzate..<<
se questo è un copione che si ripete forse sarebbe il caso di affrontare il tema con un Collega di persona, le servirà per evitare di fare errori simili in futuro.
Di solito i "migliori amici" non si comportano in questo modo, ma è anche vero che certe dinamiche si creano per il contributo di tutti gli "attori" che partecipano; voglio dire che sarebbe utile riflettere sui suoi atteggiamenti in merito a questa relazione/i.

Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo clinico e forense, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicoanalitica
www.psicologoaviterbo.it