Me.20  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 05/03/2020

Cagliari

Sarà che questa relazione mi sta consumando?

Ho 28 anni e da ormai 6 anni sto con un ragazzo padre di una bambina e, all’inizio, pensavo di poter affrontare la cosa con serenità. Col passare degli anni però, mi rendo conto che è sempre più difficile per me e che ogni volta che c’è lei, nonostante sia una brava bambina, io lo vivo come un incubo. Lavoriamo entrambi e ci vediamo pochissimo, e quando finalmente il weekend potremmo fare qualcosa insieme... c’è lei. Sento che non è questa la vita che voglio, ma purtroppo amo lui e quindi mi sento sempre in bilico. Ho sempre desiderato diventare mamma ma più vivo questa situazione, più penso di non volere dei figli perché non voglio rinunciare alla mia libertà, ai miei soldi, ai miei viaggi come invece fa lui e ne subisco le conseguenze anche io. Non sopporto più i bambini, li vedo come “un intralcio” e penso che non potrei mai essere una mamma affettuosa. Mi rendo conto che non è bello parlare così e mi continuo a domandare cosa sta accadendo dentro di me. Non mi sento felice. Sarà che questa relazione mi sta consumando?
Sono molto riservata e non ho mai parlato con nessuno di come mi sento. Confido in un parere esperto.
Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Bennati Inserita il 05/03/2020 - 18:08

Lucca
|

Buonasera, la frase che ha scritto “Non mi sento felice” racchiude tutto ciò che sta vivendo ed è da una riflessione su cosa la renderebbe felice che io partirei... a 22 anni (quando ha iniziato la relazione con il suo ragazzo)si hanno aspettative, sogni e una vaga idea di quello che vorremmo raggiungere nella vita. Poi proseguiamo nel cammino, cambiano le idee, i progetti, cambiamo noi stessi insomma.. A 28 anni è normale non sentirci quelle di qualche anno fa ed è probabile che non ci riconosciamo. Quello che mi arriva dalle sue parole è una sorta di impotenza, come se le cose ormai non potessero più cambiare, come se questa fosse l'unica vita possibile. Cosa significa per lei questa bambina? Immagino che sia difficile quello che sta vivendo: essere la compagna di un ragazzo che è già padre ci fa sentire sempre come se fossimo un passo indietro ed è faticoso arrivare a camminare in fila per tre, soprattutto a 20 anni. Al di là di questo, lei dovrebbe mettersi sempre al primo posto insieme a ciò che la rende felice ed appagata. Ha tutto il diritto di dire ciò che pensa e che si sente infelice. Scrivere questa lettera è stato un gesto molto importante. Condividere con qualcuno il nostro stato d'animo ci aiuta a capire meglio quello che proviamo e ci dà l'opportunità di vedere quello che ci fa soffrire da un'altra prospettiva. Credo sia un ottimo inizio questo...
Resto a disposizione per ogni chiarimento.
Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Bennati