Andrea  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 23/08/2019

Terni

Non so se sono transessuale

Salve, sono un ragazzo omosessuale di 26 anni.
Sin da piccolo appena scoperte le prime pulsioni omosessuali il mio primo pensiero fu "non voglio diventare come loro" figurandomi in testa immagini di trans. Crescendo l'attrazione per i maschi eterosessuali ed estremamente maschili cresceva. Durante la pubertà con i peli ho sofferto un sacco, mi hanno dato un fastidio enorme, si aggiunse una forte acne e la voglia di sedurre ed essere sedotto da ragazzi etero, ma poteva succedere di rado.
Mi sono sempre sentito molto più passivo e da qualche tempo ho visto che amo essere depilato, liscio e anche nelle fantasie omo che ho mi piace quasi solo quando uno dei due è molto più femminile/giovane/glabro/piccolo.
Sono attratto quasi solo da ragazzi etero, i gay possono essere bellissimi e apparentemente macho ma so che in fondo sono ben diversi (è una forma di fetish, di maschera, più che un modo essenziale di essere, e spesso non sono puramente attivi, il che per me è inibente, e vogliono spesso dei maschi come loro) invece io vorrei essere la femmina della coppia, non mi opererei perché ad oggi il cambio di sesso non mi sembra efficace né andare a buon fine quasi mai, oltretutto è costosissimo e lentissimo.
Mi piace indossare intimo femminile ed essere apprezzato solo per la mia passività e femminilità che è quasi inesistente.
Non so cosa sono, ho persino lasciato il mio ultimo ragazzo dicendo che mi piacciono solo gli eterosessuali.
Non ho mai provato attrazione fisica per i miei ex e riesco a godere del sesso solo in modo occasionale quando mi sento sottomesso e trattato da donna.
Perfavore aiutatemi a fare chiarezza

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 23/08/2019 - 10:51

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Andrea,
Comprendo e condivido il suo malessere, ma per fare "chiarezza" nella sua situazione, è necessario svolgere una valutazione psicodiagnostica approfondita che non si può eseguire on line.
Come immagino, già saprà, ci sono dei centri specializzati in questo tipo di psicodiagnosi in cui potrà essere aiutato a capire "cosa sia".
Quindi, la domanda che si deve porre lei ora è questa: sono disposto a conoscere chi è realmente Andrea e prendere delle decisioni di conseguenza?
Quando avrà, risposto a questa prima domanda, molte cose inizieranno ad essere più chiare e le indicheranno la strada verso l'autoconoscenza affidandosi ad uno psicoterapeuta.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).