cecilia  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 20/07/2019

Non riesco ad avere una relazione stabile

Buongiorno, ho quasi 27 anni e non ho mai avuto una relazione che andasse oltre gli 8 mesi, mi sono innamorata solo una volta nella vita e questa relazione l'ho portata avanti per tantissimi anni tutt'ora ho a che fare con questa persona, sono stata quasi 6 anni single anche se a tratti ricompariva questa persona, sono rimasta sola perchè in primis ho voluto pensare a me stessa e poi dopo una relazione di breve durata, 3 mesi, ho iniziato a perdere completamente fiducia nel genere maschile e mi sono chiusa a riccio e da lì non ho voluto saperne niente. Dopo svariati anni ho deciso di rimmettermi in gioco ma sempre dopo 3 mesi sono stata lasciata, inizio a pensare seriamente di essere io il problema sopratutto perchè in passato mi è stato diagnosticato un disturbo di personalità, ma non riesco a capire seriamente dove sbaglio, sento di comportarmi come una persona normale nelle relazioni mi confronto anche con chi comunque ha una relazione da anni, ma puntualmente va sempre male, ho anche iniziato a pensare che magari mi rapporto sempre con persone sbagliate per me che non capiscono il mio passato difficilissimo, ho avuto una malostia sessuale da giovanissima.
ultimamente le mie paure sono ancora di più aumentate, l'idea di dover star male di nuovo e doverci rimettere lavoro e università mi fa ancora di più desistere dall'avere una storia, un errore che faccio è quello di pensare subito a come ipoteticamente andranno le cose sia nel bene che nel male, per me uscire con un ragazzo è diventato un vero e proprio supplizio, se potessi lo eviteri ma allo stesso tempo sento di voler avere una relazione stabile e duratura.
Dove sbaglio non capisco. grazie in anticipo per l'ascolto e la pazienza

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Giada Santi Inserita il 22/07/2019 - 16:36

Pistoia
|

Salve Cecilia, è chiaro come dentro di lei ci sia un'ambivalenza tra la paura di soffrire di nuovo e la voglia di costruire qualcosa di importante e di duraturo ( direi in linea con la sua età e i suoi bisogni). Nella creazione e nel mantenimento di una relazione affettiva giocano alcuni fattori: la nostra persanalità- quindi il carattere- e la nostra storia personale e familiare. Poi ci sono le caratteristiche dell'altra persona di cui bisogna tener presente gli stessi fattori. Lei racconta, inoltre, di un evento doloroso e traumatico accaduto da giovanissima che comprensibilmente pesa dentro di lei come un macigno e che ha bisogno che qualcuno lo accolga e lo capisca.
La invito di cuore a riflettere sulla possibilità di iniziare una psicoterapia che accolga prima di tutto le sue sofferenze e che le possa permettere poi di capire quali sono le difficoltà che oggi non le permettono ancora di essere serena e di costruire relazioni stabili. Coraggio. Un saluto, dott.ssa Giada Santi