Maria  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 06/02/2019

Aosta

Vaginismo / Dispareunia: come affrontarla?

Salve, sono una ragazza di 20 anni ed è da 2 anni e mezzo circa che sto cercando di avere i miei primi rapporti con il mio fidanzato, all’inizio la penetrazione risultava impossibile e io soffrivo molto (non vorrei diagnosticarmi le cose da sola ma immagino che questo sia stato il mio periodo di vaginismo durato circa un anno e mezzo ,con molti tentativi da parte nostra), successivamente col tempo imparo a lasciarmi più andare,e inizio a documentarmi meglio sull’anatomia femminile (mi ero resa conto che non conoscevo nulla del mio corpo) , detto ciò questa maggiore consapevolezza mi aiutò notevolmente poiché riuscimmo nella penetrazione .... ma fino ad un certo punto poiché una volta avvenuta la penetrazione io soffro come un cane se lui prova a muoversi, perché??? Inoltre vorrei sapere se rivolgermi ad un sessuologo o ad uno psicoterapeuta qualsiasi? Inoltre vorrei sapere se di solito nei consultori sono presenti anche sessuologi (poiché privatamente costano troppo)
Ci tengo a chiarire che ho fatto visite ginecologiche e quindi è da escludere ogni problema fisico.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Maria Teresa Giordano Inserita il 07/02/2019 - 20:02

Alba
|

Ciao Maria,
la sessualità è davvero una parte fondamentale della nostra vita e viverla con soddisfazione è importante, ci permette di incontrare la persona che amiamo nel luogo più intimo e speciale che esista, il nostro corpo. Sei già stata molto brava a cercare risposte e a metterti in gioco imparando nuove cose su di te e sul sesso. Sicuramente un percorso con un sessuologo potrebbe aiutarti a capire qualcosa in più della tua difficoltà e a superarla. Esiste un albo nazionale dei sessuologi iscritti alla Federazione Italiana Sessuologia Scientifica. Se vai sul sito www.fissonline.it potrai trovare un professionista che riceve nel tuo territorio. Non credo che i consultori siano strutturati tutti nello stesso modo, ma credo che sia semplice scoprire se nella tua città è provvisto di sessuologo, magari curiosando sul sito dell'Asl di appartenenza puoi capirlo.
Spero di poterti essere stata utile.
Maria Teresa Giordano

Dott.ssa Daniela Cinti Inserita il 07/02/2019 - 18:30

Padova
|

Gentile Maria, mi sembra auspicabile, come lei stessa ha ipotizzato, rivolgersi ad uno psicoterapeuta. Il fatto che abbia escluso con apposite visite una causa organica fa pensare che abbia necessità di approfondire cosa per lei rappresenti la sessualità e la relazione sentimentale che ha in essere. Dato che ha già sperimentato su di sé come la consapevolezza sia utile ad affrontare il problema non mi resta che augurarle di fare un buon percorso di psicoterapia che la aiuti a sentirsi meglio e vivere in libertà la propria sessualità.
Un grande in bocca al lupo

Dott.ssa Daniela Cinti