Lilia  domande di Sesso, Coppia, Amore e Relazioni  |  Inserita il 08/01/2019

Distruggo ogni relazione interpersonale e poi me ne pento

Buonasera, sono qui a scrivere perché mi sto rendendo pian piano conto di vivere dei disagi e di avere problemi in fatto di relazioni. Per carità, i miei legami affettivi non sono mai stati usuali ma adesso la cosa è peggiorata. Creo legami profondi con qualcuno, e soprattutto mi creo un immagine idealizzata della persona, ma appena fa qualcosina, anche minima, che distrugge quell'immagine che ho di lei, mi allontano e fuggo via trattandola male. E questo succede con le relazioni amicali femminili. Invece nei rapporti di "coppia" sono totalmente bloccata. Ho avuto svariati rapporti occasionali quest'anno, dovuti a serate poco lucide nei fumi dell'alcol, ma se si tratta di dover instaurare una relazione, conoscere qualcuno, avere un appuntamento, io scappo. Oppure dopo un po' che ho instaurato un mini legame, mi stufo e chiudo ogni tipo di rapporto. Come se nessuno suscitasse davvero interesse in me.
Per non parlare di quei giorni in cui accuso tutti i miei amici di non essere veri amici e di non volermi bene, trattandoli malissimo. In passato ho avuto degli episodi in cui questa cosa la sentivo troppo e mi faceva stare così male da assumere comportamenti autolesionisti.
Si che è tutto molto poco chiaro, però credo di aver bisogno di una mano. Cosa posso fare? Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 08/01/2019 - 14:08

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Lilia,
Da ciò che narra, mi sembra di capire che abbia difficoltà a stabilire relazioni affettivamente profonde e coinvolgenti.
Le motivazioni sottese a ciò possono essere molteplici: timore di entrare in relazione con l'altro, di sperimentarsi e/o scoprire parti di sé e dell'altro che potrebbero mettere in discussione l'immagine "idealizzata" della persona con cui si relaziona, paura di lasciarsi andare.
Quindi, per poter agire efficacemente su questa sua difficoltà è necessario innanzitutto comprendere come essa sia sia sviluppata e quale funzione svolga nella sua vita.
Approfondire perciò la conoscenza che ha di sé.
Inoltre, è importante chiedersi come mai in questo momento della sua vita essa è percepita come più insostenibile, cosa sta succedendo? come si sente in generale?
Cosa accadrebbe qualora non riuscisse a risolvere efficacemente la situazione?
Non avendo altre info su di lei (ad esempio età, stile di vita, lavoro e/o studio), è difficile spingermi oltre nell'analisi della sua richiesta.
In ogni caso, qualora volesse approfondire la questione può scrivermi o contattarmi.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).