Arvinte domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 27/03/2017

Disturbi di comportamento

Buongiorno. Io ho un problema con mia figlia di quasi 4 anni nel senso che e molto agitata, ha dei disturbi di comportamento a casa e anche a scuola. Se parlo con lei a volte fa finta di non sentire e non fa mai quello che li dico di fare.. se gli si dice di no lei inizia a strillare..a mettersi a terra e dare calci e pugni e piange anche mezz'ora finché non gli si da quello che vuole.. ha anche problemi di sonno perche la sera non dorme presto ed fa fatica ad adormentarsi..si gira da una parte ad altra e chiede diverse cose solo per pasare il tempo e per non dormire e questa cosa complica le cose la mattino quando si deve svegliare per andare a scuola perche non vuole e piange quasi sempre dicendo che ha sonno. Lei ha un altro problema che e il latte..ancora beve latte con biberon e rifiuta il cibo. Da quando la prendo da scuola ne beve anche 1 litro e mezzo di latte e anche durante la notte..io ho un altro figlio di 5 mesi e penso che questo ha un po influenzato il suo comportamento di aggressività e di agitazione anche se lei faceva queste cose gia da molto prima che io rimanessi incinta. Spero tanto che qualcuno mi può aiutare con dei consigli o indicarmi una strada da percorrere. Io pensavo di andare da uno psicologo con lei per vedere se migliora qualcosa. Grazie in anticipo. Buona giornata.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Elisa Viani Inserita il 27/03/2017 - 20:45

Gentile Arvinte
la sua bambina con il suo comportamento sicuramente sta cercando di comunicarvi qualche cosa che al momento vi sfugge. Spesso le bizze e il pianto nascondono un messaggio che va accolto e saputo interpretare dal genitore. Lei già esclude che possa trattarsi solo di gelosia nei confronti del fratellino, visto che tale comportamento era manifesto anche prima. Dunque probabilmente le cause vanno sondate meglio, attraverso un'osservazione mirata, sia del comportamento della sua bambina e magari con l'aiuto di alcuni test o strumenti adatti all'età. Sicuramente con alcuni elementi in più un esperto potrebbe darle qualche riferimento o linea educativa da seguire per affrontare tali momenti di crisi e nella gestione delle cosiddette"bizze". Spesso la punizione o la minaccia vengono utilizzate con lo scopo di placare sul momento l'emergenza, ma non sono quasi mai la soluzione adeguata a risolvere il problema, anzi a lungo andare potrebbero rinforzarlo negativamente. Anche l'argomento dell'alimentazione va approfondito, in quanto la nutrizione, fin da bambini assume un significato in primis emotivo, di legame primario affettivo, prima ancora che nutritivo in senso fisico. Il prendere ancora il biberon potrebbe apparire legato dunque ad una fase evolutiva precedente nello sviluppo psico fisico della bambina, da cui non sembra ancora pronta a distaccarsi. Le suggerisco quindi di cercare le risposte alle sue domande perchè sono fondamentali per conoscere e soddisfare i bisogni della sua bambina.
Resto a disposizione, cordiali saluti.
Elisa Viani-psicologa-psicoterapeuta.