Carmen domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 05/02/2017

Avellino

Come aiutare psicologicamente un malato

Salve,
Mia madre ,come me , è affetta da una malattia genetica . Ad ottobre è stata operata stava morendo . Per fortuna la operazione è andata bene , lei sta meglio, solo che può andare avanti per anni ma prima o pOi dovrà andare in contro al trapianto.
Mamma è nervosa si arrabbia facilmente. Poi sta male perché si sente limitata , lei ha sempre lavorato tutta la sua vita e molto volenterosa e porta avanti una famiglia. Adesso non può fare determinate cose (come prendere oggetti pesanti ).
Lei sta male , piange spesso tutti i giorni. Non accetta la sua malattia, non accetta il fatto che è nata sana e adesso è malata .
Sta male e io non so cosa farè per lei , la vorrei tanto aiutare la amo tanto.
Si sente in colpa perché mi ha trasmesso questa malattia genetica ( quando sono nata non eravamo a conoscenza della malattia ) e quindi piange ancora di più.
Cosa posso fare per mia mamma ? Come può affrontare e convivere con questa malattia

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Francesca Maria Barbaro Inserita il 06/02/2017 - 18:22

Cara Carmen, sento molto vivo il suo dolore e possa capire il suo pensiero fisso e ricorrente di riuscire a fare qualcosa per fare stare meglio sua madre. Di sicuro già sta facendo un sacco di cose per starle accanto e farle sentire la sua presenza. Sicuramente un medico che la sta seguendo avrà in mente degli step che sua madre deve fare per gestire al meglio la sua malattia, aiutata e supportata dalla famiglia. Quello che le chiedo invece è: chi sta aiutando lei a gestire questo enorme peso? Penso che affidarsi a un esperto con cui condividere le sue paure e intraprendere un percorso specifico individuale possa aiutarla a prendere contatto con le sue risorse, soprattutto in una situazione delicata come questa in cui non c'è solo un familiare da accudire con un importante malattia, ma questo familiare è la propria madre, con cui il rapporto è molto forte. Un caro saluto, dott.ssa Francesca M. Barbaro - psicologa psicoterapeuta