massimiliano domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 10/07/2016

Milano

Crisi di panico

Buongiorno 20 anni fa ho avuto una crisi di panico. Dall'ora la mia vita è totalmente cambiata. Lavoro ma devo essere accompagnato nn riesco a muovermi da solo e stare in posti da solo. Vorrei chedere aiuto e pareri. Grazie

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Francesca Pacilè Inserita il 10/07/2016 - 18:38

Buonasera Massimiliano,
l'attacco di panico può essere considerato come l'incoscio che bussa alla porta; quel cassetto della mente dove con tanta fretta abbiamo provveduto a chiudere emozioni, situazioni, eventi, ricordi, forse troppo dolorosi, per qualche motivo si è aperto, invadendo e offuscando la mente.
Il timore che l'attacco di panico possa ritornare, porta inoltre a creare un circolo vizioso che costringe in una situazione di ansia perenne, la quale può portare anch ad un ritiro sociale, come rifugio da qualsiasi tipo di stimolo ormai interpretato come minaccia.

L'attacco di panico segnala quindi, la presenza di un conflitto interno, il quale può essere risolto prendendo coscienza, come lei ha fatto, di avere una difficoltà, e rivolgendosi ad uno Psicologo che può aiutarla a contenere e gestire l'ansia, nonchè ad identificare la natura del conflitto interno e portarlo ad una risoluzione.
Lei il primo passo lo ha già fatto, e riconoscere di avere una difficoltà è il passo più grande ed impegnativo da compiere, non si fermi proprio adesso.

Rimango a disposizione per qualsiasi domanda.
Cordialmente,
Dott.ssa Francesca Pacilè.