Michi domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 10/04/2016

Como

Autostima a zero e attacchi di ira e gelosia

Buongiorno,
sono una ragazza di 22 anni e non ho autostima.
Mi sento sempre inferiore alle altre, più brutta delle altre e che faccio un lavoro meno importante del loro.
Io ho aperto da poco un negozio e sono la gerente ma comunque credo sempre che le altre sono meglio di me.
Solo che mi sta creando problemi di coppia perchè il mio partner lavora con molte donne.
Ha ricevuto una promozione al lavoro e io invece di esserne felice gli ho urlato contro con i miei scatti di gelosia non so forse perchê non mi sento realizzata io, o perche vedo che anche lui sta facendo cose migliore delle mie o perchè deve fare formazioni in più e quindi ho paura che possa conoscere altra gente.
Ho fatto qualche seduta con una psicologa ma non mi trovavo bene e quindi stavo peggio.
Non so più cosa mi prende vorrei stare solo bene con me stessa

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 11/04/2016 - 16:17

Buon pomeriggio Michi,
credo che la strada che aveva iniziato, a percorrere sia quella più opportuna.. ovvero contattare un terapeuta per intraprendere un percorso di conoscenza interiore che possa aiutarla a capire queste sue reazioni. Tutte le ipotesi da lei fatte potrebbero essere esplorate e approfondite, e potrebbero avere un fondo di verità su cui poggiano. Se questa sensazione di inferiorità è un aspetto che nota da diverso tempo, potrebbe avere radici più profonde ed intime, che da soli difficilmente riusciamo a scoprire ed estirpare. Molte persone fanno vari tentativi, prime sedute conoscitive, prima di trovare il terapeuta giusto, con cui si sentono a proprio agio e comprese. Per cui si dia almeno un'altra occasione, per il suo benessere. Attualmente l'approccio cognitivo comportamentale offre buoni spunti di riflessione e miglioramenti degli stati d'animo e gestione dell'emotività in tempi medio-brevi. Se desidera maggior informazioni, mi contatti pure senza impegno.
un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi
www.chiarafrancesconi.it