deborah domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 14/01/2016

Napoli

Aiutatemi per favore

Salve , sono una ragazza di 22 anni.. cerchero di raccontare la mia storia anche se molto lunga. I miei genitori si sono separati quando avevo 3 anni , mio padre un tipo molto violento, arrivato al punto di volerci uccidere e io mia mamma e mia sorella siamo scappate in un centro a Roma. Premetto che anche mia mamma non parla piu con mio nonno da anni perche picchiava mia nonna e odiava mia mamma , alcuni episodi di aggressione nei confronti di mia nonna sono avvenute anche davanti me e mia sorella , facendoci rivivere il terrore. Tornando a prima .. abbiamo vissuto un po nel Centro dopodiche siamo dovute tornare nella nostra citta , abbiamo vissuto nella poverta assoluta , non avevamo riscaldamenti , vestiti ecc ... Mia mamma faceva due lavori come aiutante domestica e purtroppo malgrado la mia eta ho capito che lei per non farci mancare niente stava insieme a degli uomini che non la trattavano bene ma gli davano soldi.. E mia mamma soffriva dovendo subire.... Mio padre e sparito per sette anni e quando si era ripresentato aveva una moglie e dei figli. Non ho mai avuto un bel rapporto con mio padre , lo sentivo una volta a settimana e lo vedevo solo una settimana all anno... Crescendo e aumentato l amore morboso nei confronti di mia madre , non volevo perderla ... Io avevo solo lei , poi si ammalo e io ne soffri tantissimo.... Da piccola dicevo che da grande sarei voluta diventare uomo , per dare a mia madre la figura che non ha mai avuto.... Gia da piccola ho sempre finto di essere forte e ancora oggi mi ostino a non cedere, solo per non far soffrire mia madre che la vita e stata gia cosi dura con lei .. ricordo che dopo mangiato si chiudeva in bagno e vomitava , io le dicevo perche fai questo?! Vomitero anche io ! E lei diceva non farlo , io sono stupida , tu no. Crescendo sono diventata una ragazza molto timida introversa , ho sempre preferito non mettermi in discussione ,stare da sola e soffrire in silenzio , ma poi davanti agli altri sorridevo. Da un anno ho deciso di chiudere I rapporti con mio padre Perche anche solo sentirlo mi faceva soffrire...Sono fidanzata da 8 anni con un ragazzo che amo da morire ma che spesso non mi da le attenzioni che vorrei, forse io vorrei vedere la figura di un padre in lui , che non ho mai avuto..... 2 anni fa mi sono ammalata di fibromialgia a causa di un grande dispiacere , oggi cerco di riprendermi da sola solo che in casa mia non sto bene , o meglio non sopporto la presenza di mia sorella perche e maleducata , strafottente e disordinata e dato che a casa sono io a fare le pulizie ecc perche mia mamma lavora tutto il giorno , comincia a pesarmi anche perche e piu grande di me e vorrei un suo aiuto anziche farmi fare tutto da sola , considerando la patologia che spesso mi tiene bloccata a letto.. Ma , veniamo al dunque , io non mi capisco piu rido e poi scoppio a piangere , non dormo da 5 anni e non sopporto quando a casa mia vengono persone a cenare piu volte a settimana , perche voglio stare tranquilla per i fatti miei ...mi sento spesso sola e triste perche non ho un lavoro e ne amiche, con il mio fidanzato non parlo molto perche lui e molto superficiale non cabirebbe cosa ho dentro io , anche con mia mamma non parlo molto per non farla soffrire. Lei che e sempre cosi dolce e affettuosa e al solo pensiero che sto male si sente morire , io amo mia madre con tutto il cuore ..darei la mia vita per lei con il vero senso della parola, ho tanta paura di distaccarmi da lei , di sposarmi ecc.... Sto cercando di crescere anche se vorrei ritornare bambina per sempre , cerco di essere forte solo che, nel letto chiudo gli occhi e ripenso a tutta la mia vita , a tutti I traumi e a tutte le cose che io , troppo piccola non dovevo capire ...ed e cosi che scoppio a piangere... Spero che qualcuno mi risponda , tutto questo non l ho mai raccontato a nessuno , ma ora mi sento scoppiare..

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Maria Benedetta Atti Inserita il 15/01/2016 - 12:39

Zola Predosa
|

Cara Deborah, la vita ti ha messo difronte a delle situazioni molto dolorose. Hai ragione a sentirti scoppiare e sentire il bisogno di fare qualcosa. Rivolgiti ad uno psicoterapeuta con formazione sistemica, credo sia quello che più ti può aiutare! Se hai bisogno di altre informazioni sono a disposizione.
Dott.ssa Atti Maria Benedetta

Dott.ssa Claudia Schena Inserita il 05/02/2016 - 15:44

Ciao Deborah,
hai tutto il diritto di sentirti triste e di piangere per far uscire anche solo un pò del tuo dolore. Scrivo questo perchè ho avuto la sensazione che quasi non ti sentissi autorizzata ad esternare quello che provi, forse perchè come hai scritto nel racconto, hai voluto (e continui a farlo) proteggere le persone a te vicine per non farle soffrire ulteriormente. Il fatto che "ti senta scoppiare" è una cosa che percepisco come un possibile fattore positivo...mi spiego meglio: arrivare ad un momento di crisi talvolta può essere considerato un momento importante, di crescita, che ti segnala che qualcosa nel tuo modo abituale di vivere e gestire la tua vita, non sta funzionando bene. Potresti partire proprio da questa sensazione per provare a contattare uno Psicologo della tua zona e rivolgerti a lui per iniziare ad alleggerirti un pò dal carico che da tempo ti porti dietro e utilizzare quindi questo momento di crisi come un punto di partenza per un cambiamento.
Spero di esserti stata di aiuto, per qualsiasi chiarimento resto a disposizione.

Un caro saluto

Dott.ssa Claudia Schena - Psicologa, Terracina (LT)
https://www.facebook.com/studioapiccolipassi