Angie  domande di Psicologia e dintorni  |  Inserita il 16/01/2019

Come gestire la rabbia incontrollata?

Perché durante il corso degli anni ho covato dentro di me tutta questa rabbia e ora non riesco più a gestirla? Mi arrabbio per tutto anche per le sciocchezze. Inizio a non controllare più me stessa, urlo e sbraito fino a quando non ho esternato tutta la mia rabbia. Il più delle volte scateno tutta questa frustrazione sugli oggetti, scaraventandoli per terra o colpendoli, mi è capitato anche con chi mi sta attorno.
Vorrei davvero riuscire a non essere più così a non sentirmi più così furiosa e dopo sentirmi così vuota e colpevole.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 16/01/2019 - 11:22

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Angy,
da ciò che narra, mi sembra di capire che nel corso degli anni lei abbia represso la sua energia aggressiva, che conseguentemente ora, essendo inconsapevole poichè repressa, emerge in modo incontrollato.
Pertanto, bisogna capire come mai lei non abbia potuto manifestare l sua rabbia per molto tempo e come mai ora questo meccanismo di inbizione sembra essersi incrinato.
Come si sente in generale, cosa sta accadendo nella sua vita? Cosa teme?
Consideri che la rabbia è un'emozione di base ed in quanto tale contiene informazioni preziose per ognuno di noi, indica che percepiamo un ostacolo alla nostra autorealizzazione.
Quindi, se opportunamente canalizzata ed orientata, costituisce una delle strade più proficue verso la soddisfazione personale.
Se è motivata ad approfondire questi temi, può scrivermi o contattarmi.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)

Dott.ssa Laura De Martino Inserita il 17/01/2019 - 18:22

Salve Angy, esistono due modi per non sperimentare la rabbia: il primo e reprimerla, come racconta di aver fatto lei per tanto tempo, il secondo è buttarla fuori nel modo in cui sta facendo ora. Sembra, infatti, paradossale, ma anche scaraventarsi addosso a persone o a oggetti, urlare cose spiacevoli è un modo per sbarazzarsi della rabbia. Ci pensi, quando le capita ciò dove finisce la rabbia? al termine di simili episodi si sente ancora arabbiata o piuttosto dispiaciuta per quanto ha compiuto, in colpa, o addirittura con un senso di disistima personale e vergogna? Magari le sarà capitato anche di doversi scusare proprio con chi all'origine l'aveva fatta arrabbiare. La rabbia non è un'emozione negativa di per sè, anzi se ce la concediamo ci permette di capire cosa non ci piace e ci da la direzione e l'energia del cambiamento, ma dobbiamo, appunto, darci il permesso di "tenerla"piuttosto che reprimerla o espellerla in questo modo. La questione ora è perchè lei non se la può concedere? come è stata vissuta la rabbia nella sua famiglia?cosa le hanno insegnato in merito? cosa teme?
Credo le potrebbe essere utile uno spazio di psicoterapia per poter indagare questo ed altri temi e riuscire ad armonizzare le sue emozioni ed il suomodo di viverle.

Un caro saluto

Dr.ssa Laura De Martino
Psicologa e Psicoterapeuta Relazionale e Familiare
Napoli - tel 3280273833