ELENA domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 17/10/2017

Como

Genitori anziani e malati

Buongiorno,
sono Elena, ho 47 anni, single e vivo con i miei genitori anziani di 80 anniLavoro, sono indipendente economicamente. Ho seri problemi di convivenza ; con mio padre non ho alcun dialogo è burbero e scontroso; a causa di una serie di malattie è molto confuso e non percepisce piu' la realtà...E' stranito da tutto, non segue telegiornali, non legge ..Nulla, è disinteressato a tutto; è molto violento verbalmente nei miei confronti.
Mia mamma che fino all'anno scorso era un sostegno per me, ora è diventata aggressiva verbalmente come lui ed anche molto aggressiva poichè, nonostante i miei 47 anni, mi picchia con bastoni, scarpe...Tutto quello che le arrivi tra le mani, se per caso, mi azzardo a contraddirla...
Per non parlare di quanto esco con amici...Una vera tragedia; m'insulta anche molto volgarmente poichè è fissata che io esca solo per fare sesso...Non sa che con gli amici si esce per dimenticare la prigione in cui vivo......Devo dire di essere molto forte caratterialmente, al contrario sarei in depressione da anni...Non riesco a lasciarli perchè anziani; contribuisco economicamente poichè pensionati al minimo (altrimenti non ce la farebbero..) e, per questo motivo, non posso permettermi un affitto mio...Cosa posso fare per far sì che la mia vita con loro non sia un inferno come sinora?
Grazie.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Carlo Robusto Inserita il 19/10/2017 - 12:09

Salve,
concordo con quanto detto dalla dott.ssa Savino A..
Le consiglio un colloquio con il suo medico di base e una visita specialistica da un neurologo; tale disturbi comportamentali, cosi come li elenca lei, sembrano far parte di un decadimento cognitivo in atto.

Dott.ssa Arcangela AnnaRita Savino Inserita il 18/10/2017 - 09:16

Gent.ma Elena, mi perdoni la mia domanda ma è allo stesso tempo necessario si è rivolta al suo medico di famiglia? Ha esposto lo stato dei suoi genitori?
Perché le dico questo perché considerando l'età dei suoi genitori un possibile decadimento cognitivo è causa anche di comportamenti "aggressivi" sia manifestati. Ecco perché è importante prendere in considerazione un confronto con uno specialista neurologo che possa valutare la situazione e intervenire con un supporto farmacologico o vitaminico adeguato. Poi se lei proietta in questi stati vissuti relazionali con i suoi genitori è indice di un suo bisogno di voler elaborare o esprimere "amarezze" rispetto a situazioni passate addirittura infantili/adolescenziali/adulte di figlia. Ma è importante che lei sappia che con l'avanzare dell'età possono emergere comportamenti aggressivi o non adeguati a causa di un invecchiamento della corteccia frontale deputata al controllo.

Resto a disposizione per possibili chiarimenti.

Cordialmente dott.ssa ARCANGELA ANNARITA SAVINO