Carinio domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 02/05/2017

Verona

Mia figlia ha guardato porno

Ho scoperto che mia figlia di 11 anni ha guardato porno sul Cel !!!, per curiosità di quello che ha sentito dai suoi compagni di classe! !!! Non ho saputo come fare !!!! lei è molto dispiaciuta perché vuole sapere di cosa se tratta ,li ho tolto il telefonino una volta per tutte, e ho spiegato che una cosa che non fa bene guardarla. Auiouuuuto, cosa posso fare? :(

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Giuseppina Cantarelli Inserita il 03/05/2017 - 13:57

Gentile signora/e,
credo lei abbia fatto per il momento la cosa più saggia. Si pone anche la domanda giusta, cioè come spiegare la pornografia ad un bambino/a, che è peraltro una modalità più che discutibile, sicuramente oscena e falsa di rappresentare la sessualità e i rapporti sessuali più in generale. Onestamente ritengo dovrebbe informare gli insegnanti dell'accaduto e di quanto avviene in classe , magari chiedendo di indire una riunione con gli altri genitori per comprendere meglio la situazione e per affrontarla ,eventualmente con l'ausilio di uno psicologo dell'età evolutiva ( che non dovrebbe più mancare nelle scuole di ogni ordine e grado). L'educazione sessuale che è ancora vista con grande sospetto da genitori e insegnanti, dovrebbe essere considerata come una importante opportunità di far passare messaggi inerenti lo sviluppo dell'affettività, delle relazioni tra i sessi che contempli infine , in tempi maturi anche la sessualità, ma non certo legata quel tipo di rappresentazioni che degradano sia il corpo maschile che quello femminile e riducono un atto sacro a squallide e grottesche esibizioni che dovrebbero risultare traumatizzanti e angoscianti oltre che per i bambini , anche per gli adulti.
Cordialmente.
Dott.ssa Giuseppina Cantarelli
Parma

Dott.ssa Patrizia Niddomi Inserita il 04/05/2017 - 14:27

Gentilissima/o
Concordo con la collega, a 11 anni si ha bisogno di essere educati alla sessualità e alle sue implicazioni. E, quando la curiosità passa dai banchi di scuola e si protrae come un'onda, una buona opportunità è proprio quella di proporre alla scuola degli incontri in classe con un professionista che si occupi di sciogliere i dubbi aiutando i bambini (ormai quasi adolescenti) a stabilire le basi per una dimensione affettiva-sessuale equilibrata.
Se ciò non fosse possibile, Le consiglio di rivolgersi ad un collega della sua zona per delle consulenze che possano aiutarla a trovare le parole giuste per far conoscere questo mondo a sua figlia in modo più possibile chiaro e chiarificatore
Un caro saluto
Patrizia Niddomi
Psicologa-Psicoterapeuta
Firenze