Giulia domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 01/12/2014

Palermo

Terrore di deludere i genitori

Ero indecisa sulla categoria della domanda, forse dovevo scegliere ansia e depressione, ma tutto ció è strettamente legato al terrore con cui ormai convivo, di deludere i miei genitori.
Ho 16 anni, frequento il terzo anno di liceo scientifico, per volere di mia madre che, convinta che il classico e lo scientifico siano le uniche due scuole alla mia altezza, non mi ha lasciato scelta. Primo anno, bocciata a giugno. Ripeto il primo anno, promossa a giugno. Secondo anno, rimandata in matematica e poi promossa. Adesso che sono al terzo anno mi sto rendendo conto che non sono portata per questa scuola, non riesco a stare al passo con i programmi, faccio i salti mortali e non perchè sono pigra e non mi va di studiare, ma perchè ho totalmente perso la fiducia in me stessa, e nonostante io mi impegni non ottengo i risultati sperati, mi viene proprio difficile comprendere ció che leggo, pur essendo una ragazza intelligente, perchè so benissimo di non essere stupida, ma in questa scuola mi ci sento, soprattutto quest'anno. Sono stanca, voglio cambiare indirizzo e andarmene al liceo musicale che è quello che forse avrei dovuto fare all'inizio, o dopo essere stata bocciata! Ma non ho mai avuto il coraggio di parlarne a mia madre, mi sopravvaluta, è convinta che siccome sono intelligente e allora sono in grado di capire tutto, ma non è così... E poi ci sta male.. Vi prego ho bisogno di aiuto. Andavo già da una psicologa ma ho dovuto interrompere le sedute per problemi economici, e ora mi ritrovo qui, sola e incompresa. Grazie in anticipo

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 06/12/2014 - 19:54

Cara Giulia,
mi piacerebbe approfondire con te queste tue difficoltà di lettura: riusciresti a spiegare meglio? da quanto vanno avanti queste difficoltà?
Ovviamente non posso fare una diagnosi con così poche informazioni ma vorrei farti pensare all'esistenza di un disturbo specifico dell'apprendimento chiamato dislessia che potrebbe portarti ad avere tale disturbo.
Una persona dislessica è una persona assolutamente intelligente, ha solo una difficoltà specifica.
Potresti parlare con i tuoi genitori per poterti far fare una vera e propria valutazione.
Ti consiglierei, in generale, di parlare apertamente con loro della questione scuola, delle difficoltà che incontri, di come ti senti, delle tue ansie e dei tuoi timori-sopratutto quelli legati alla paura di deludere loro.
Non sarà facile ma devi provarci.
Ti consiglierei comunque di riprendere i contatti con uno specialista che possa aiutarti e sostenerti: se sussistono ancora i problemi economici che hai citato potresti rivolgerti al consultorio della tua città.
Un caro saluto,

Dott.ssa Valentina Mossa
www.valentinamossa.com