nina domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 03/11/2016

S.O.S. Coming Out

Iniziare un percorso con uno psicologo può aiutare nell'affrontare un coming out con la famiglia. Penso che alla base del mio problema non è il coming out in se (non ho problemi nell'ammetterlo) ma non riesco a confessarlo alla mia famiglia più per un carattere estremamente riservato da parte mia.
Un percorso terapeutico mi può aiutare? Grazie.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Antinoro Inserita il 04/11/2016 - 20:08

Buonasera Nina,
non è facile combattere tra la voglia di dire qualcosa e la difficoltà a farlo, in effetti sono sentimenti contrastanti che rischiano di togliere energia all'agire. Detto questo, un percorso terapeutico potrebbe aiutarla a fare ordine su quali sono i suoi pensieri e i suoi bisogni principali in modo che il suo agire si possa modellare di conseguenza.
Ad esempio, qualora lei volesse dirlo potrebbe essere importante focalizzarsi sulla riservatezza che la porta a tenerlo per se nonostante il suo desiderio.
Qualora invece non si sentisse di dirlo, potrebbe lavorare sul come si sente a mantenere questo stato di segretezza e capire se per lei questo sia pesante o meno.
Le ho fatto due esempi per aiutarla a comprendere che la terapia aiuta a focalizzare un obiettivo di lavoro per agire poi su quello insieme al professionista che l'accompagna a capire le dinamiche familiari e sue interne.
Qualora avesse bisogno di chiarimenti non esiti a contattarmi
Dott.ssa Antinoro Anna

Dott.ssa Valentina Sciubba Inserita il 04/11/2016 - 09:13

Sembrerebbe che ci siano in lei sentimenti ambivalenti, anche nel decidere se sia opportuno iniziare un percorso con uno psicologo, dal momento che prima lo afferma e poi al termine del quesito si domanda se sia veramente utile.
Lo psicologo aiuta a capire, a capirsi e perciò a muoversi nel mondo.

Dott.ssa Erica Tinelli Inserita il 04/11/2016 - 08:53

Buongiorno Nina, lei desidera comunicare questa cosa alla sua famiglia oppure in un certo senso si sente in dovere di farlo? Cosa la blocca? E' soltanto il suo carattere riservato o c'è dell'altro?
Uno psicologo potrebbe aiutarla ad affrontare le sue difficoltà e a trovare il modo più opportuno per affrontare la situazione.