Rachele domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 22/04/2016

Massa Carrara

Ansia e attacchi d'ira

Sono 4 anni che soffro di alcuni attacchi d'ira esagerati nei confronti di mio padre. Mio padre è un uomo bravissimo, abbiamo una famiglia unita. Ma pultroppo sia io che lui abbiamo un carattere molto testardo e spesso siamo in conflitto. Fin da piccola ho sempre cercato le sue attenzioni, ma lui lavora molto per non farci mancare nulla e inoltre ha una passione smisurata per lo sport che gli porta via un po' di tempo. Vedere i suoi occhi brillare mentre vede che la sua palestra e i suoi allievi vanno avanti sempre migliorando, non puo' che suscitare in me una sorta di gelosia. Ho la passione per il disegno e per la pittura e mio padre non fa altro che guardare storto i miei lavori. Non apprezza i miei voti a scuola, i miei progetti, i miei quadri. Inoltre sono stressata per la scuola, sono costantemente in ansia. Non riesco nemmeno a vivere serenamente la sessualità con il mio ragazzo perche sono troppo ansiosa. E appena ho l'occasione (quando litigo con mio padre) sfogo tutta la mia rabbia repressa, talvolta mi vengono degli attacchi di panico. I miei genitori mi mettono in punizione senza cercarmi di capire, senza lasciarmi parlare. Sono infelice perche non riesco piu a motivarmi per migliorarmi. So che i miei genitori mi vogliono bene, ma ho paura che il mio atteggiamento possa ferirli.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 22/04/2016 - 09:11

Ciao Rachele,
non scrivi quanti anni, ma riporti dei "voti scolastici", quindi immagino tu sia molto giovane. Ciò di cui scrivi e che provi sembra essere uno dei tanti conflitti interiori a cui si va incontro con la crescita... il bisogno di approvazione e amore dai propri genitori, che "fa a lotta" con il bisogno di esplorazione, autonomia e sviluppo di una propria identità..che può rivelarsi anche in disaccordo con ciò che i genitori pensavano per il nostro futuro... Ovviamente i sentimenti di rabbia, frustrazione ma anche di colpa e di ansia si intervallano e si accavallano ciclicamente. Riuscire a superare con serenità ed equilibrio questa fase è uno dei primi "scogli" da affrontare nella vita di giovani adulti. Non so se sei già nella maggiore età, ma qualora lo fossi potresti rivolgerti ad un terapeuta per capire meglio cosa ti sta succedendo e come gestire questa forte emotività e reattività. Se sei ancora minorenne avrai invece bisogno del consenso alla terapia da parte dei tuoi genitori (i quali saranno comunque tenuti fuori dai colloqui e dalla tua privacy). Personalmente offro anche consulenze tramite piattaforma skype. Resto a disposizione per ulteriori informazioni,
un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi
www.chiarafrancesconi.it