Gaia domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 25/05/2015

Milano

Secondo figlio

Buongiorno, temo di aver bisogno di aiuto. Sono incinta del mio secondo figlio, ho già un bambino di 2 anni e mezzo. Mi sto rendendo conto di non avere le stesse cure per questa gravidanza, rispetto alla prima. Non penso quasi mai al bambino, non sono attenta a curarmi come lo ero allora. Il mio primo pensiero ë sempre Per il primo figlio, che é il mio amore più grande. Sono anche molto preoccupata per il momento in cui nascerà e per le gelosie che ne deriveranno. E mi sto rendendo conto che il principale motivo per il quale ho voluto un secondo figlio é che non volevo che il mio primo fosse figlio unico. Ma mi domando: sarô in grado di amare il secondo?? Mi sembra insomma che sia ancora relegato in un angolino dei miei pensieri, che non si sia sviluppato in me alcun sentimento materno. Non tengo con me alcuna immagine delle ecografie fatte, non ho fatto altrettanta attenzione nell'alimentazione (per la toxoplasmosi ad esempio), non ne parlo mai a meno che gli altri mi chiedano come va la gravidanza.. E soprattutto penso sempre e solo al benessere del mio primo bimbo! Che fare?

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Valentina Nappo Inserita il 07/06/2015 - 21:48

Gentile Gaia,

le emozioni, gli entusiasmi, gli slanci delle "prime volte" sono sensazioni uniche e irripetibili e non c'entrano nulla con l'affetto che proverà per il secondo bambino.
Si viva la gravidanza con serenità rendendo il primogenito partecipe di questo meraviglioso momento: in questo modo, si cercherà di prevenire o attenuare future gelosie.

Un caro saluto
Dr.ssa Valentina Nappo
Terapia individuale, terapia di coppia, terapia familiare
via Roma, Pompei
via Epomeo, Soccavo
via Scopari, San Giuseppe Vesuviano (NA)

Dott.ssa Valentina Mossa Inserita il 27/05/2015 - 21:48

Cara Gaia,
la gravidanza, come lei ben saprà, è un momento di grande cambiamento non solo corporeo.
Molte donne "lamentano" di non affrontare la seconda gravidanza con la stessa premura e attenzione della prima. In questo caso il suo primo figlio è ancora molto piccolo, ha sicuramente bisogno di attenzione e certamente le sta richiedendo tanto tempo e tanto spazio.
Le consiglio questa lettura: http://www.cosedamamme.it/2015/04/25/il-pancione-di-mamma-libro-stampabile-free/ la consiglio spesso in queste situazioni perchè affronta la tematica del secondo fratellino/sorellina con grande semplicità e spontaneità.
Per quanto riguarda i suoi vissuti: vorrei prima di tutto ricordare che vi è una "tristezza" fisiologica che può manifestarsi durante la gravidanza. Le consiglierei di parlarne prima di tutto con il suo compagno perchè lei non deve vergognarsi di quello che sta vivendo, sono sensazioni e domande naturali!
Le consiglierei però, inoltre, l'idea di valutare di parlarne con uno specialista nella sua città, credo che uno psicoterapeuta dell'età evolutiva o uno psicologo perinatale possa fare al suo caso.
Le faccio un grandissimo in bocca al lupo,

Dott.ssa Valentina Mossa
www.valentinamossa.com
https://www.facebook.com/dottoressavalentinamossa