Giulia  domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 02/10/2019

Firenze

Rapporto con primogenita

Buonasera
scrivo per cercare di capire come affrontare una situazione creatasi da un po' di tempo a questa parte. Precisamente da 6 mesi, quando è nata la mia secondogenita. Premetto che la mia prima figlia ,che ora ha 10 anni, è nata da una precedente relazione conclusa 7 anni fa.
Con la mia prima figlia, avuta all'età di 20 anni, ho sempre avuto un rapporto morboso, l'ho sempre messa davanti a tutto sia per mio modo di essere, sia per gli svariati sensi di colpa per non averle garantito una famiglia unita. Dopo la nascita della mia seconda figlia, il nostro rapporto è cambiato.
Non sento più quel legame forte che fino a poco tempo fa ci ha unito, quando ci abbracciamo sento quasi una sorta di imbarazzo che prima non c'era e inoltre nel frattempo si è avvicinata molto al padre con il quale dice di avere più confidenza che con me, cosa mai successa in tutti questi anni.
Poco tempo fa sono stata chiamata da scuola perché la maestra ha notato che la bambina è più sensibile e agitata del solito, sospettando che questo disagio fosse provocato dalla nascita della sorellina. Non nego che oltre a questo, purtroppo, alle spalle abbiamo litigi con il padre e siamo per vie legali.
Vedo con i miei occhi che non è questione di gelosia, ma piuttosto mancanza di attenzioni da parte mia. È come se la nascita della mia seconda figlia mi avesse fatto spostare tutta l'attenzione su di lei non lasciandone per la prima. Mi rendo conto di essere distaccata ma non riesco a comportarmi diversamente e mi sento in colpa perché una madre dovrebbe moltiplicare l'amore per i suoi figli, non comportarsi come invece sto facendo io, e più mi sforzo di essere come prima, più mi allontano.
Grazie a chi deciderà di aiutarmi

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Rossella Clavari Inserita il 08/10/2019 - 16:01

Aprilia
|

Buongiorno Giulia, è in genere normale e fisiologico dedicare attenzioni e cure a bambini molto piccoli fin quando non si avviano verso una maggiore autonomia. Da quanto scrive, anche con la prima figlia c'é stata molta dedizione da parte sua pur se la definisce una "modalità morbosa". Cosa ne pensa di parlare apertamente con la sua primogenita "preferita" di questo temporaneo distacco, spiegandole in modo autentico che è dispiaciuta per quanto sta accadendo.... Potrebbe anche ricordare "con" lei i momenti della sua prima infanzia, magari trovando aneddoti, marachelle, giochi che facevate insieme (se c'erano) e altro ancora, in modo da farle capire che non si è dimenticata di lei