Marta  domande di Genitori e Figli  |  Inserita il 31/05/2018

Trasferimenti

La mia domanda riguarda il desiderio di cambiare casa e città ogni tre/quattro anni. Ogni tot anni (ultimamente sempre meno) decido che il posto in cui abito non va più bene e quindi mi impegno per cambiare casa, città, lavoro, conoscenze e da quando sono nate, la scuola alle mie bambine. Il mio è un anelito a migliorare ma non vorrei che dovesse diventare controproducente. E' meglio dar seguito a questo anelito di miglioramento o cercare di stare bene dove si sta , anche se sono cambiate le condizioni ( o si è fatto in modo che cambiassero per poter poi dire - me ne devo andare ...) ? Ai bambini fanno bene o male frequenti spostamenti?

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 31/05/2018 - 21:56

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Mauro,
La domanda che potrebbe aiutarla a valutare cosa sia meglio fare per lei e la sua famiglia è legata al significato che attribuisce lei al miglioramento.
Esso coincide necessariamente con il cambiamento di cio' che si trova al di fuori di sé (casa, lavoro, relazioni...)?
Cosa succederebbe se, al contrario, rimanesse nello stesso luogo per un tempo più lungo? A cosa associa questa prospettiva?
Inoltre, da cosa fugge mentre si sposta da un luogo all'altro e cosa si aspetta di trovare nel nuovo luogo in cui giunge?
Forse questa sua tendenza a trasferirsi è legata ad una sua più generale difficoltà a tollerare situazioni o luoghi che diventano stabili/prevedibili col passare del tempo. Cosa prova in queste circostanze?
Come vede, ci sono diversi aspetti da analizzare per cercare di fare chiarezza sulla questione da lei posta.
Ci pensi
Cordialmente
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma)

Dott.ssa Laura De Martino Inserita il 31/05/2018 - 21:47

Napoli
|

Salve Mauro, le sue domande necessiterebbero di un approfondimento e di una visuale più ampia sulla sua vita, sui vissuti attuali o passati sottesi ad una simile modalità di comportamento. Credo che potrebbe farlo concedendosi un percorso psicoterapeutico. Le dico solo che esistono infiniti modi per autosabotarci, alcuni usano strani camuffamenti. Un caro saluto,

Dr.ssa Laura De Martino, Psicologa e Psicoterapeuta Relazionale, Napoli, Tel 328 0273833