Nicole domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 07/12/2017

Ansia fobia sociale

Salve sono una ragazza di 21 anni,
Da circa due anni non so cosa mi sia preso ... ho una continua ansia costante da quando mi sveglio a quando vado a dormire.. praricamente h24.. non vivo secondo me la mia spensieratezza e la mia gioventú.. ho sempre paura del giudizio degli altri, anche persone che conosco , la mia paura più grande é che ho costantemente tutti i giorni é il tremore continuo facendo piccole azioni come bere..prendere un caffè mangiare davanti a persone che non conosco o anche amici famigliari ( escluso madre padre sorella) ovviamente. Intraprendo un corso di salsa.. Ma ho sempre l ansia sono ormai amici ma a volte credo che bel mio viso si percepisce la paura e non sto bene.. ho anche la paura di arrossire di tremare .. Non lavoro da un Po per via di questo problema che non mi porta a fare colloqui di lavoro o fare azioni davanti ad altri , ho paura a pagarmi qualcosa da sola con la carta a firmare a fare una foto che mi trema il braccio... ho paura delle persone a volte, ora sono all' incirca vari mesi che la situazione peggiora sempre di più, vorrei starmene tutto il giorno a dormire per non pensare e non affrontare quello che c è di fuori... in tutto ciò esco con le mie amiche faccio serate vado a ballare ma ho sempre costantemente un'ansia interiore e troppi pensieri che non riesco a risolvere. Cosa potrei fare ? Sto valutando di andare da uno psicologo... grazie .

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Mostacci Inserita il 07/12/2017 - 08:14

Buongiorno gentile Nicole,
la chiave di questa sua sofferenza sta proprio in ciò che scrive:"... ho sempre paura del giudizio degli altri, anche persone che conosco..." e per questo è necessario svolgere un lavoro psicologico che parta dalle radici, dai suoi vissuti, da come le ingerenze delle sue persone di riferimento hanno plasmato la sua personalità fino a renderla titubante nei suoi movimenti di conquista verso la vita quotidiana. Aspettative implicite che si sono sedimentate nel profondo. Il mio suggerimento è verso una psicoterapia ad impostazione analitica esistenziale che la porterà a riconquistare la sua posizione soggetiva.
Cordiali saluti
Dr.ssa Anna Mostacci Psicologa Psicoterapeuta Roma
https://annamostaccidr.wordpress.com/

Dott.ssa Francesca Di Niccola Inserita il 07/12/2017 - 13:38

Salve Nicole....Comprendo dalle tue parole un forte disagio contro il quale stai già tentando di fare qualcosa. Accade spesso che questo qualcosa che proviamo a fare (una soluzione, diciamo) non sia efficace o adeguata ma, anzi, non fa altro che potenziare il problema di partenza. Sarebbe importante far luce sulle tue risorse e sulle eccezioni (esempio: in quali momenti della tua giornata non ti senti ansiosa? Oppure con chi?).
Scrivere qui è un primo step. Ti stai concedendo la possibilità di stare meglio.
Altro step è una consulenza con un esperto, iniziando un percorso che sceglierai tu quale sia più adatto alla tua persona e alle tue caratteristiche, in quanto ci sono tanti terapeuti che usano tecniche diverse e hanno approcci differenti, tutti volti ad uno scopo ossia il tuo benessere. Cambiano le modalità ed i tempi.
Resto a disposizione per dubbi o chiarimenti.
Cari saluti.
Dott.ssa Francesca Di Niccola