Angelo domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 27/06/2016

Taranto

Fallimenti e delusioni

Salve, sono un ragazzo di 15 anni, so che bisogna essere maggiorenni per scrivere qui ma lo faccio lo stesso tanto per cercare aiuto: nella mia vita sono sempre stato preso in giro dai miei compagni per via dei miei disagi e delle mie debolezze, sono stato e lo sono ancora vittima di bullismo sia fisico che verbale da quando frequentavo le scuole elementari, ora devo fare il terzo superiore e quest'ultimo anno di scuola per me è stato devastante, sono diventato lo zimbello della scuola, me ne hanno detto e fatto di tutti i colori sono arrivati persino a picchiarmi in classe, ad umiliarmi, ad offendermi, ad insultarmi e a farmi scherzi di cattivo gusto e io non so come difendermi perché sono molto più debole di loro, ai miei gliel'ho già detto ma questo è servito solo a peggiorare le cose che sono andati a scuola per denunciare il fatto ai professori e sono passato di più dalla parte del debole tutto questo mi ha portato a chiudermi in me stesso, ad odiarmi, a non avere più fiducia in me stesso, a non riuscire più a socializzare in poche parole mi ha rovinato la vita. Tutti si allontanano da me, nella mia classe mi odiano tutti e non so neanche il motivo, adesso che la scuola è chiusa e arriva l'estate dovrei essere felice e invece sono tutto il contrario vorrei che questa estate non fosse mai arrivata perché sono sempre chiuso in casa e non esco perché non ho amici penso a tutti gli altri ragazzi della mia età che escono hanno la ragazza e si divertono e io ci resto male e soffro, mi sento sempre inferiore agli altri, soffro di atelofobia ovvero quella paura di non essere abbastanza. I miei genitori mi incolpano per i miei fallimenti e se la prendono per il fatto che non esco e non ho amici, fanno sempre i paragoni con gli altri ragazzi e io ovviamente ci resto male, non voglio che i miei soffrono per colpa mia non voglio più dare delusioni, quando esco di casa (da solo) ho la sensazione che tutti mi guardano e mi giudicano e questo porta a chiudermi ancora di più in me stesso, non riesco piu a socializzare con le persone, sento ormai i danni di tutte queste sofferenze. Ho bassi livelli di autostima anzi, non ce l'ho proprio. Non ho nessuno scopo nella vita, ne hobby, ne passioni, niente in ogni cosa che faccio fallisco sempre, faccio uso di cannabis tanto per fuggire via da tutto, per non affrontare la vita, la mia vita fa schifo, non ha più senso, sono ex autolesionista e penso sempre al suicidio ma non ho il coraggio di compiere il gesto proprio per non fare soffrire i miei genitori altrimenti l'avrei già fatto perché non voglio più vivere in queste condizioni ma oltre ai miei poi saranno tutti felici e contenti. Ho deluso tutti, incluso me stesso, non ce la faccio più a fare questa vita eppure non ho fatto del male a nessuno. ditemi voi che fare, aiutatemi. ciao, vi auguro una buona giornata e grazie in anticipo per le risposte.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Signoretti Inserita il 29/06/2016 - 14:00

Caro Angelo,
sentire il racconto della tua situazione mi ha rattristato perché comunichi un senso di disagio e di incomprensione davvero pesanti da portare per un ragazzo della tua età che dovrebbe vedere tutto bello e una vita piena di sogni e desideri che tu certamente hai dentro di te. ma non ti è quasi possibile immaginarli né cercare di realizzarli perché il senso di impotenza e di rabbia che ti fanno provare i compagni sembra non trovare alcuna via d'uscita. Hai fatto bene a parlarne con i tuoi genitori . parlare con una persona che ti capisce aiuta a vedere in modo più realistico i tuoi problemi e soprattutto a sfogare la rabbia e la delusione nei confronti della vita cosi ingiusta nei tuoi confronti. cerca di aprirti con il dialogo verso le persone che ti vogliono bene e ti apprezzano per rinforzare la tua autostima e la tua voglia di reagire. pensa che come te oggi anche altre persone in passato venivano considerate inferiori e snobbate dai compagni ....e poi si sono affermate ed hanno dimostrato di avere dei valori e delle capacità che non emergevano e che gli altri ritenevano dei difetti o delle incapacità. mi dirai che non ti senti un genio ..come einstein ad esempio, ma non è questo l'importante. devi ancora scoprire chi sei e quali sono i tuoi cavalli di battaglia, ciò che ti fa sentire forte a discapito di ciò che pensano gli altri. Forse per non sprecare tanto tempo e non cadere in depressione ti converrebbe rivolgerti ad uno/a psicologo/a che ti sappia aiutare a crescere ed a rinforzare questa piccola pianticella che sei tu ed a realizzare le tue potenzialità...