Anya domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 03/01/2016

Depressione precoce e tiroide

Buongiorno, sono una ragazza di quasi 18 anni, e frequento il liceo classico.
Mi sono rivolta a voi per due domande fondamentali.
Da poco infatti ho lasciato la mia psicologa, con la quale non mi trovavo più bene. Questa mi ha diagnosticato un tipo di depressione che a sentir lei mi è iniziata all'età di 6 anni dovuta a uno un grandissimo sciock e che si protratta fino a qualche mese fa. è davvero possibile una cosa del genere? Una depressione nella pubertà e nella adolescenza così lunga?
La mia seconda domanda riguarda al fatto se la psiche possa influire o scatenare problemi alla tiroide e perchè?
Grazie mille.

  1 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Sara Coppola Inserita il 04/01/2016 - 19:50

Gentile Anya,
ricevere una diagnosi di depressione non è sicuramente piacevole e può lasciare un pò spiazzati, sopratutto quando si ipotizza abbia interessato un arco di tempo molto ampio come quello da lei descritto. La depressione negli ultimi anni è in continuo aumento, purtroppo anche nei bambini. Non è possibile quindi escludere che lei abbia sofferto di depressione all'età di sei anni ma non ci sono neanche elementi sufficienti per poter confermare la diagnosi fatta dalla collega che, sicuramente ha avuto maggiori informazioni sulla sua vita. Vivere una situazione traumatica dove lei probabilmente ha vissuto un forte shock può causare diverse reazioni, non da escludere una di tipo depressivo. Ma per poter averne conferma è necessario portare avanti un lavoro con uno psicologo per poter capire quali sono state le difficoltà ma, soprattutto, quali sono le risorse che lei possiede per poter affrontare e superare questo momento di difficoltà.
Riguardo al suo secondo quesito posso dirle che la nostra mente agisce e influenza il corpo, determinando per esempio alterazioni nel suo funzionamento. Ne sono un esempio le malattie psicosomatiche, disturbi fisici dove non è possibile identificare una causa organica. In alcuni casi è possibile, invece, che una determinata condizione psicologica ne sia l'origine. Ne sono un chiaro esempio le colon irritabile, le emicranie, i disturbi del sonno o le tachicardie. ovviamente è importante escludere prima di tutto un problema di tipo fisico attraverso una visita da un medico specialista e solo successivamente, eventualmente, verrà fatta una diagnosi di disturbo psicosomatico. Quindi, tornando al suo quesito, è possibile che la psiche influenzi il corpo. In modo particolare gli ormoni tiroidei hanno un'influenza diretta sul sistema nervoso, risultandone così influenzato. Allo stesso modo una vita stressante o emotivamente significativa può indurre uno squilibrio a livello ormonale, oltre che sul sistema immunitario, producendo probabilmente un'alterazione della funzionalità tiroidea.
Spero di esserle stata di aiuto. Rimango a disposizione se qualcosa non le fosse chiaro.
Dott.ssa Sara Coppola