La domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 01/10/2015

Viterbo

Preoccupazioni

Buonasera,
è da qualche anno che sono in uno stato perenne di preoccupazione. Questo è dovuto ad una serie di problemi, uno di questi legato a mio fratello che fatica a trovare lavoro, fa uso di sostanze stupefacenti, rientra a tarda notte.
Ho cercato più volte di aiutarlo, ho passato giorni interi a pensare cosa potevo fare. Purtroppo non ho l'appoggio dei miei genitori. Non ho mai avuto un confronto con mia madre, è sempre con la testa fra le nuvole, si sveglia tardi alla mattina e fa il minimo indispensabile in casa. Mio padre non è mai stato in grado di affrontare i problemi, piuttosto li ignora. E' impulsivo, si arrabbia spesso e certe vote ha comportamenti infantili. Litigano spesso fra di loro. La mia infanzia è stata legata da continue discussioni tra di loro, tanto che fin da piccola mi chiedevo se si volevano bene. Ho sofferto molto per questa cosa.
Ora vivo perennemente in ansia e non riesco ad essere serena e felice.
Vorrei pensare anche al mio futuro e sposarmi vorrei poter fare qualcosa per la mia famiglia e non voglio lasciare tutto alle spalle.
Vorrei avere un consiglio.
Grazie

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 01/10/2015 - 14:40

Viterbo
|

Gentile La,

comprendo la tua apprensione per questo fratello, ma la possibilità di scegliere di cambiare e smettere di fare uso di sostanze è qualcosa che deve nascere "dentro" di lui, perché altrimenti continuerà su questa linea autodistruttiva e il tuo sforzo, come spesso accade, sarà vano.
Tieni presente che sarebbe utile spostare il focus su te stessa, non puoi fare il "genitore" di tuo fratello cercando di colmare le mancanze dei tuoi.
Cerca invece di elaborare il tuo disagio, magari contattando un Collega di persona, perché altrimenti rischiate di stare male in due.

Cordiali saluti,
Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo clinico e forense, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicoanalitica

Dott.ssa Cinzia Marzero Inserita il 03/10/2015 - 09:11

Gentile LA, la situazione è piuttosto complessa. C'è una buona parte della famiglia che sembra avere delle problematiche ma tu non puoi pensare nè di essere nè di fare la "salvatrice". Così facendo rischi di perderti e di devolvere tutte le tue energie per cambiare un sistema che difficilmente cambierà. Cerca invece di prenderti cura di te stessa, di accettare di avere dei limiti e che putroppo certe persone non si possono cambiare, se non sono loro a volerlo. Impiega le tue risorse e le tue energie per costruire il tuo futuro e per la tua realizzazione personale. Restando accanto a loro ma senza farti travolgere da problemi che in parte sono loro ad essersi creati. In bocca al lupo. Resto a tua disposizione.

Cinzia Marzero psicologa psicoterapeuta, consulente tecnico giuridico
Torino