Tonimol domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 24/02/2014

Potenza

Ipocondria

Salve sono un ragazzo di 20anni. Da più di un anno soffro di ipocondria. Ho effettuato numerose visite e sono andato tante volte al pronto soccorso.Ho fatto rx cranio poi tac cranio,ecografia elettrocardiogramma al cuore,ecoaddome completo analisi del sangue,visita oculistica,visita urologa,tutte queste visite sono risultate buone ma io sto sempre peggio, ora ho forti mal di testa e paura di avere una malattia neurologica xk ho tremori, difficoltà a concentrarmi, dolori al centro del petto e un forte senso di sbandamento, i miei e il mio medico cercano di tranquillizzarmi ma io sto sempre peggio, ora vi chiedo se è possibile che tutto ciò sia connesso alla depressione. Perché non riesco a crederci. Grazie per la vostra disponibilità

  8 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Monica Maini Inserita il 10/03/2014 - 14:03

Busalla
|

Carissimo Tonimol,
la mia formazione e il mio modo di pensare mi portano a dire che non sia tanto importante la diagnosi, quanto i nostri sentimenti e le nostre emozioni. Non siamo sempre consapevoli di quest'ultimi ed è spesso questo che può far insorgere sintomi di natura psicosomatica: il nostro corpo ci comunica uno stato di malessere che la nostra mente e il nostro cuore non riconoscono o riconoscono solo in parte. E' molto importante che tu ti ponga delle domande e che rifletti su che cosa ti sta capitando, su quello che provi. Già questo ti aiuterà; se poi ritieni di dover andar a fondo e ti affidi ad un professionista psicologo, stai sicuro che sarà lì per comprendere insieme a te cosa ti sta capitando e non per addossarti un'etichetta...credimi, è bellissimo potersi affidare...
Monica Maini
Psicologa Psicoterapeuta Genova

Dott.ssa Federica La Scala Inserita il 11/03/2014 - 15:38

Caro Tonimol, se stai scrivendo in questa particolare sezione significa che hai già intuito il disagio che ti porti dietro da più di un anno e dunque avendo escluso cause organiche al tuo malessere sei pronto ad esplorare quelle psicologiche. Allora ti consiglio di fare un altro passo avanti nel tuo percorso e contattare uno psicologo o psicoterapeuta ed iniziare ad ascoltare di più i segnali che il tuo corpo ti manda senza averne timore.
Il nostro corpo ci parla dobbiamo solo ascoltare.
Buon inizio.....a presto
Dott.ssa Federica La Scala

Dott.ssa verusca gorello Inserita il 11/03/2014 - 11:38

caro tinimol,
spesso dietro sintomi oggettivi si nascondono problematiche sottili e delicate, e spesso la psicosomatica è il riparo più accessibile, se ha fatto tutti gli accertamenti e se il risultato è sempre negativo io mi rivolgerei ad uno specialista in grado di aiutarmi a capire qual'è il problema ed a risolverlo definitivamente!!!!
spero di esserle stata utile,
Dott.ssa Verusca Gorello
esperta in ipnosi ed EMDR

Dott.ssa Valentina Tieni Inserita il 10/03/2014 - 00:45

Caro Tonimol,
dalle tue parole percepisco quanto vivere in questo stato di "sospensione" non sia affatto facile e posso comprendere cosa significhi sentire delle sensazioni a cui non si riesce a dare un nome. Dal tuo discorso percepisco una certa "ansia" di sapere, perchè magari vivi con questo stato d'animo che ti porta a pensare al peggio. Sai, Tonimol, alle volte il nostro corpo ci parla, ci comunica qualcosa proprio mentre cerchiamo di ignorare quello che cerchiamo invece di sotterrare....ma non per questo si è ipocondriaci o depressi....io credo che prendere maggiore conoscenza di questo potrebbe aiutare a dare un senso a tutti i sintomi che in questo periodo ti stanno "tormentando"....noto che ti sei descritto semplicemente in termini sintomatici, dando di te solo l'età. Tutti questi sintomi non avranno mica tolto spazio a te stesso? ti consiglio di cercare uno spazio di contenimento, di ascolto psicologico in cui cercare di riequilibrare e dare significato al periodo che stai passando.
Resto a disposizione per qualunque cosa.
Dott.ssa Valentina Tieni

Dott. Tommaso Coviello Inserita il 08/03/2014 - 16:45

Caro Tonimol l’ipocondria è una condizione psicologica che può derivare dall’incapacità di saper valutare e riconoscere pienamente i propri stati emotivi. Le emozioni, come ogni aspetto umano e psicologico, maturano e crescono nel corso del nostro sviluppo e costituiscono esperienze molto complesse costituite sia da elementi cognitivi, cioè pensieri e valutazioni relative al sentimento emotivo, sia da elementi somatici, cioè mutamenti fisiologici e sensazioni corporee tipiche (pensiamo ad esempio all’emozione paura caratterizzata da forte battito cardiaco, aumento della respirazione ecc).
Nell’ipocondriaco una dissociazione tra questi due aspetti può non permettere il riconoscimento delle suddette sensazioni corporee come legate a specifiche situazioni e specifici vissuti emotivi così il soggetto giunge a pensare che esse derivino da cause mediche.
E’ difficile sapere se la sua condizione sia realmente connessa ad una condizione del genere, anche perché non risulta chiaro se la sua sia un’auto-diagnosi o un giudizio derivato dalla competenza di uno specialista, Sicuramente, comunque, la sua sofferenza si inscrive nella categoria delle sindromi ansiose. Spero di essere stato il più possibile esauriente e di esserle utile per altre eventuali informazioni.
Un caro saluto
Dott. Tommaso Coviello

Dott.ssa Camilla Marzocchi Inserita il 08/03/2014 - 10:03

Le somatizzazioni, cioè sintomi fisici come quelli che descrive in assenza di una causa medica specifica, sono molto frequenti e diffuse, sia in condizioni di ansia che di depressione, anche lieve. Spesso la mente "sposta" sul corpo alcune preoccupazioni ed emozioni che ci disturbano e che non riusciamo ad elaborare.
Con una buona valutazione psicodiagnostica e un percorso psicoterapico mirato alla comprensione di come i suoi sintomi sono iniziati, potrà ridurre i pensieri intrusivi e gli effetti di questi sul corpo. Le consiglio di cercare nella sua zona un terapeuta ad orientamento cognitivo-comportamentale.

La saluto,
Dott.ssa Marzocchi Camilla - Bologna (BO)

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 27/02/2014 - 15:06

Caro Tonimol,
se dalle varie visite eseguite non è emerso nulla, è possibile, se non molto probabile, che il tutto sia dovuto a cause psicologiche. Non so se le "etichette" di ipocondria e depressione ti siano state date dopo qualche visita specialistica o derivano da una ricerca personale motivata dal trovare una spiegazione alla condizione in cui ti senti, tuttavia ricorda che l'ipocondria rientra tra le sintomatologie ansiose e tremori, scarsa concentrazione, dolori al petto e sbandamento sono tutti sintomi fortemente presenti negli stati ansiosi.
Spesso non ci si rende conto di quanto il corpo possa soffrire e risentire delle emozioni che sperimentiamo, specie se esse non vengono riconosciute e ben incanalate all'esterno. Ed esistono moltissimi casi di persone che sperimentano sintomi fisici, anche acuti, che in realtà si scoprono dovuti ad una cattiva gestione delle proprie emozioni.
Ti suggerirei di contattare un terapeuta della tua zona, per poter affrontare il problema da un punto di vista diverso, per una volta, cioè quello psicologico. Concentrandoti sulla ricerca di malattie, forse sono state perse di vista le vere fonti che causano questo malessere fisico.
un caro saluto,
Dott.ssa Chiara Francesconi

Dott. Michele Matera Inserita il 27/02/2014 - 13:16

Gentile Tonimol, se sono state escluse cause organiche, il consulto con un professionista potrebbe servire a comprendere se la sua, è una condizione psicosomatica o meno. Sarebbe utile però, avere ulteriori informazioni a riguardo. La diagnosi di ipocondria è stata fatta da lei? E perchè parla di depressione? Ricorda l'inizio di questa condizione?
Resto a disposizione.
Dott. Michele Matera
Psicologo ad indirizzo Clinico e della Salute
info@michelematera.it
www.michelematera.it