C.  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 13/10/2021

Trento

Ansia per i cambiamenti

Ciao, la mia ragazza con la quale sto da un anno e 8 mesi ha lasciato un lavoro a tempo indeterminato per trasferirsi da me e iniziare una convivenza. Dovrei essere felicissima perché é quello che vogliamo ma piango da due giorni ed ho piccoli attacchi di panico. Il cambiamento mi turba profondamente e mi sento in colpa nel sentire questi sentimenti negativi. Dovrei sprizzare gioia da tutti i pori ma la negatività ha il sopravvento. Lavorava a 150 km da me, a volte settimana anche corta.. Quindi ogni volta che potevamo ci vedevamo. Non ho paura della convivenza perché l'abbiamo già sperimentata, anche se per brevi periodi. Mi mette ansia il pensiero che potrebbe trovarsi male nel nuovo lavoro, di potersi pentire del licenziamento, del fatto che possa soffrire. Tutti pensieri e sentimenti che lei prova molto meno di me, anzi lei mi sostiene e mi dice che andrà tutto bene.. Quando dovrei essere io a dirlo a lei. Comunque prima o poi avrebbe lasciato questo lavoro perché si trova in un paese di montagna turistico e lei é contenta di fare un a nuova esperienza (nonostante un po' di normale preoccupazione). Il cambiamento e l'ignoto mi provocano un'angoscia assurda. Vedo tutto in negativo invece che vivere felicemente il nostro nuovo inizio.

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Loredana Trebisacce Inserita il 18/10/2021 - 10:40

Roma
|

Cara C.,
l'ansia e gli attacchi di panico sono in agguato proprio durante i cambiamenti. E' perfettamente normale essere destabilizzati dai cambiamenti, soprattutto se sono sostanziali e strutturali nella nostra vita.
Nel tuo caso, come descrivi bene c'è anche la responsabilità di questa scelta e delle rinunce fatte dalla tua ragazza per poter convivere.
Quello che è essenziale intanto è prendersi cura di queste paure, accettarle e dargli spazio e poi dare fiducia alla tua ragazza rispetto alla scelta presa. Certamente avrà ponderato le possibilità lavorative e le prospettive future, cercando di conciliarle con la vostra vita assieme.
Spesso l'ansia e gli attacchi di panico prendono il sopravvento quando ci sentiamo in una scelta definitiva e all'angolo, anche se l'abbiamo voluta e in teoria dovrebbe farci stare bene.
Questo avviene soprattutto quando ci sentiamo responsabili per le scelte e per la vita degli altri, a maggior ragione se è la persona che amiamo che ha fatto delle scelte per noi.
cerca di guardare con serenità a queste emozioni, legittime, e al cambiamento.
Se vuoi scrivimi ancora, resto a disposizione per qualsiasi cambiamento.
un caro saluto
Dott.ssa Loredana Trebisacce

Dott. Sacha Horvat Inserita il 15/10/2021 - 15:46

Milano
|

Buongiorno C,
sembra che la scelta della sua ragazza le sia arrivata come "inaspettata", come qualcosa di nuovo che l'ha "spiazzata", un evento non conosciuto che la fa preoccupare e le impedisce di gioire.
Questa persona si è avvicinata a lei e le ha comunicato di esserci.
"Il cambiamento e l'ignoto mi provocano un'angoscia assurda." È un pensiero molto prezioso per lei, da vivere e comprendere. Colga l'opportunità di capire insieme ad un professionista cosa sta cercando di comunicare a sé stessa in modo da godersi il vostro "nuovo inizio." Dare un senso alle nostre emozioni ci aiuta a rendere più semplice l'emergere della felicità.
Un caro saluto.
Dott. Sacha Horvat

Dott.ssa Manuela Leonessa Inserita il 13/10/2021 - 18:59

Torino
|

Buonasera C.
I cambiamenti sono un salto nel vuoto, più sono grandi più destano preoccupazione. Questo è del tutto normale. Quando però l’ansia è eccessiva è giusto porsi delle domande. Ha fatto bene a fermarsi e riflettere su queste sue reazione e dovrebbe approfondire ulteriormente. Ha mai provato ansie così intense prima d’ora? Se sì, in quali occasioni? Se l’ansia eccessiva fa parte del suo modo normale di affrontare la vita le sarebbe d’aiuto capire perché, anche solo per imparare a gestire le difficoltà in modo più sereno. Se invece questa grande ansia è frutto di questo particolare cambiamento dovrebbe comunque cercare di capire che cosa la genera. Provare un po’ di timore di fronte a un grosso cambiamento è normale, piangere rovinandosi un’esperienza così importante e preziosa nella sua vita, no.
Mi chiami se vuole approfondire.
Un caro saluto, dott.ssa Manuela Leonessa