Alessandra  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 22/01/2021

Foggia

Sto male e penso ossessivamente al mio futuro lavorativo

Salve, sono qui per un consulto perché sono davvero stanca di pensare ossessivamente al mio futuro lavorativo e non so più come uscirne fuori.
Ho 21 anni e frequento l'università di lettere, fino all'anno scorso non avevo alcun dubbio sulla mia scelta, anzi ero super felice di studiare materie per le quali sono portata dato che ho frequentato il liceo scientifico ed ero assolutamente negata in matematica e fisica tuttavia sto iniziando a pensare di aver sbagliato a scegliere questa università dato che ha come principale sbocco l'insegnamento cosa per la quale non mi ci vedo portata.
Mi piacerebbe molto lavorare in qualche biblioteca libreria o archivio tant'è vero che dopo la triennale in lettere vorrei scegliere la magistrale in Archivistica e biblioteconomia a Bari ma mi rendo conto che si tratta di qualcosa di impossibile dato i pochi concorsi che vengono banditi e non so davvero cosa mi aspetterà in futuro.
Mi sento totalmente inutile e penso di essere davvero incapace di fare qualunque cosa, non mi sento più quella di una volta e passo intere giornate a piangere, infatti non sto riuscendo neanche a preparare gli esami.
Vedo mia sorella che lavora come infermiera e a volte penso che avrei dovuto scegliere anch'io quella facoltà dato che si trova subito lavoro, soltanto che proprio non mi ci vedo in tali vesti.
Non so come comportarmi e provo un forte senso di ansia e soprattutto non riesco a smettere di pensare e questa cosa mi sta letteralmente facendo impazzire.
Chiedo scusa per lo sfogo

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Maria Antonietta Luongo Inserita il 23/01/2021 - 08:17

Napoli
|

Salve Alessandra, grazie per avere condiviso queste sensazioni che sta provando in un momento così complesso. Mi chiedo se in qualche modo il particolare periodo storico non influisca su queste ansie per il futuro.. Certo il confronto con una facoltà professionalizzante come infermieristica può far nascere tanti dubbi, ma mi chiedo quali sono i motivi che l'hanno spinta a fare la sua scelta. Alle volte pensiamo che le scelte che facciamo siano per sempre, ma non è detto sia sempre così... Credo che un consulto possa aiutarla a chiarirsi le idee sulle motivazioni più profonde che la spingono a mettere tutto in dubbio, cosa la spaventa del futuro? Perché pensa di non essere capace di insegnare? La sua domanda in realtà in me suscita moltissime altre domande a cui penso sia utile trovare un significato condiviso. Spero che in quel he modo possa averla aiutata ad ampliare il suo sguardo verso se stessa. Le mando un grande in bocca al lupo e rimango disponibile per qualunque info.

Dott.ssa Sabrina Di Salvo Inserita il 22/01/2021 - 17:25

Padova
|

Gentile Alessandra,
direi che il suo sfogo le serve per tirare fuori quello che ha dentro e quindi le è molto utile, per cui non si preoccupi assolutamente. Molte volte il pensiero ossessivo verso il futuro può derivare dalla sensazione che "il tempo stringe" e quindi bisogna decidere cosa fare o dal bisogno di sentirsi coinvolti in ciò che si vive quotidianamente. E' probabile che qualsiasi in lei sia cambiato, che stia rivalutando le sue priorità e che stia vivendo un momento di confusione. Questo momento di crisi può servirle però per individuare quali cambiamenti sono necessari nella sua vita in modo da provare nuovamente emozioni positive. Il senso di incapacità che ha scritto di provare potrebbe essere legato a ritrovare qualcosa a cui lei dia davvero significato. A tal fine le sarebbe utile uno spazio per poter lavorare su sè stessa e su questi dubbi con l'aiuto di un professionista. Rimango a sua disposizione per ogni eventuale chiarimento.
Dott.ssa Di Salvo Sabrina