Diana  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 14/08/2019

Problemi di ansia e periodo difficile

Buongiorno sono una ragazza di 24 anni e da un anno sto passando un periodo molto difficile . Credo che tutto sia cominciato dopo aver visto un nostro amico di famiglia morto dopo un lunga e brutta malattia. Premetto che sono sempre stata una persona molto ansiosa ma credo che tutto questo mi abbia portata a peggiorare solo le cose . Ho cominciato a essere quasi paranoica a pensare di avere sempre qualcosa di grave, ho fatto mille visite!pensando di avere continuamente qualcosa che non andava.. in questo ultimo periodo le cose sono peggiorate perché è come se non mi sentissi mai felice, e come se non provassi emozioni e questa cosa comincia a farmi paura.. non ho più voglia di fare nulla, essendo così giovane e vedendo che non riesco ad uscirne da sola volevo capire se un aiuto psicologico poteva aiutarmi.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 14/08/2019 - 23:30

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buonasera Diana,
Concordo con lei quando riferisce un'associazione tra il suo essere "ansiosa" e la morte del suo amico, evento che ha probabilmente contribuito ad acuire lo stato di attivazione di cui ha parlato.
Credo, però che sarebbe utile anche cercare di capire cosa sia accaduto nella sua vita "in questo ultimo periodo" che abbia accentuato le sue difficoltà. Come sta? Che tipo di vita conduce?
Un supporto psicologico individuale può aiutarla a comprendere come mai si senta così, accompagnandola nell'accogliere ed affrontare il malessere di cui ora ha "paura" poiché è incompreso nel suo significato e lei si sente "sola" in questo complesso percorso di autoconoscenza, come è comprensibile che sia.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).

Dott. Emmanuele Rosito Inserita il 24/08/2019 - 15:34

Buongiorno Diana, a volte la morte di una persona cara può causare un senso di vuoto emotivo e psichico, generando un profondo stato di confusione tale da non poter raggiungere un reale contatto emotivo con la perdita subita. Dalle poche informazioni fornite e dalle preoccupazioni citate, sembrerebbe tutto legato alla non corretta elaborazione del lutto. Utile sarebbe conoscere e capire cos'altro sia accaduto nel periodo successivo all'evento, in modo da poter affrontare, metabolizzare e superare questa fase della sua vita.
Sicuramente un aiuto psicologico può agevolarla nel comprendere meglio la sua situazione attuale, aiutandola nell'affrontare i suoi stati ansiosi e di angoscia con una figura di riferimento su cui far affidamento.

Dott. Emmanuele Rosito