Laura  domande di Ansia e depressione  |  Inserita il 23/01/2019

Siena

Non riesco più a sostenere gli esami

Buongiorno,
frequento l’ultimo anno di giurisprudenza ma sono indietro di 10 esami a causa dell’ansia. Non riesco più a presentarmi agli appelli. È diventato un circolo vizioso da cui non riesco a uscire : studio, mi prenoto all’esame, comincio ad avere difficoltà a dormire, a piangere e a tremare già un mese prima della prova e poi il giorno precedente l’esame/il giorno stesso vado completamente in tilt e ho attacchi fortissimi di nausea. Mi blocco, comincio a tremare, a respirare affannata e finisce che non vado fisicamente in università.
Mi vergogno e mi sento stupida. In più, ho sprecato un sacco di appelli e così facendo finirò certamente fuori corso.
Sto male, mi rendo conto di avere bisogno di parlare con qualcuno perché da sola non riesco a superare questa situazione.
Grazie per il vostro tempo

  3 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Roberta Altieri Inserita il 25/01/2019 - 15:25

Milano
|

Gentile Laura,
come lei stessa ha già capito, si è creato in lei un circolo vizioso che non riesce ad interrompere: per prima cosa occorre affrontare direttamente l'ansia che la attanaglia per diminuirne la portata e, parallelamente, valutare con calma quali sono i suoi attuali bisogni, le sue prospettive e, naturalmente, le sue risorse certamente presenti.
Non so da quale città lei chiami: se fosse di Milano non esiti a contattarmi.
Cordiali saluti

Dott.ssa Mirella Caruso Inserita il 24/01/2019 - 10:49

Milano
|

Gentile Laura, può capitare di sentirsi bloccati a proseguire durante il percorso universitario. Ho incontrato persone nella mia professione che stavano per "mollare" a pochi esami dalla laurea. Per superare questa situazione bisognerebbe comprendere la sua esistenziale oggi, cosa significa per lei laurearsi, intraprendere una professione, fare l'avvocato oppure come indirizzare il suo percorso dopo il conseguimento della laurea. La difficoltà a dormire, il tremore, gli attacchi di nausea sono sintomi da non sottovalutare, è comprensibile come possa sentirsi stremata. Cerchi un professionista che le ispiri fiducia. La saluto cordialmente.

Dott.ssa Anna Marcella Pisani Inserita il 23/01/2019 - 11:19

Roma - Cassia, Flaminia, Tor di Quinto, Cesano, Fo
|

Buongiorno Laura,
comprendo e condivido il suo malessere, acuito anche dall'idea che sia "indietro di 10 esami", quindi in ritardo, condizione che contribuisce ad incrementare il senso di insoddisfazione e l'ansia, alimentando il "circolo vizioso" cui accennava.
Per risolvere efficamente il suo problema, è necessario comprendere come mai esso si sia acuito in questa fase della sua vita, cosa significhi per lei completare il ciclo di studi e conseguire la laurea e, qualora non ci riuscisse, quali aspettative tradirebbe.
E' probabile che si senta "stupida", proprio perchè si percepisce visttima di questo "circolo vizioso", una condizione a cui non sembra essere in grado di porre rimedio.
Tuttavia, quando avrà compreso il senso di questo malessere, sarà anche in grado di padroneggiarlo e quindi sentirsi competente e sicura di sè.
Un consulenza psicologica individuale può aiutarla in questo.
Un caro saluto.
Dott.ssa Anna Marcella Pisani (Roma).