Elisabetta domande di Alimentazione  |  Inserita il 30/04/2017

Disturbo ossessivo e dismorfismo corporeo

Buongiorno,
In passato ho sofferto di binge eating. Faticosa mente, negli anni, ho perso molti chili e penso di aver risolto questo problema. Fatico però, nonostante un'alimentazione controllata, seguita da un dietista, a mantenere i chili persi. Il mio problema con i chili di troppo mi ossessiona, andando a rendere problematica la mia vita quotidiana. Inoltre, ho letto di un problema chiamato dismorfismo corporeo, nel quale mi riconosco per molti aspetti. In passato ho assunto psicofarmaci per curare una sindrome depressiva. Mi chiedo adesso quale sia l'approccio migliore da adottare per risolvere questo problema e verso quale terapeuta sia meglio indirizzarmi. Abito in provincia di Genova.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 02/05/2017 - 15:50

Buonasera Elisabetta,
paradossalmente seguire una dieta, che solitamente prevede delle norme, regole e limitazioni, imposte dall'esterno (dal professionista), ci fa perdere ancora di più il contatto con il nostro corpo e le nostre necessità. L'approccio che sembra dare maggiori benefici alle abbuffate e al controllo dell'alimentazione è attualmente quello cognitivo comportamentale, al cui interno si sta sviluppando la strategia della mindful eating, ossia di consapevolezza alimentare e psicologica. Per potersi liberare dei circoli viziosi che causano ansie e timori legati al cibo e al corpo è necessario apprendere una modalità tutta nuova di conoscenza del proprio corpo e delle infinite risorse che tutti abbiamo di auto-regolarci, se ci mettiamo in ascolto di esso.
Se desidera maggiori informazioni mi riscriva pure senza impegno.
un caro saluto,
dott.ssa Chiara Francesconi
psicologa psicoterapeuta cognitiva
www.chiarafrancesconi.it

Dott.ssa Lucia Scafidi Inserita il 01/05/2017 - 20:46

Buonasera, per quanto riguarda le difficoltà legate all'alimentazione sarebbe opportuno rivolgersi ad uno psicoterapeuta che sia opportunamente formato in tali difficoltà, ossia nei disturbi dell'alimentazione.
Probabilmente, da quello che scrive, immagino, nonostante abbia perso peso e pensa di aver risolto la difficoltà, rimane ossessionata dal pensiero del peso.
Lei, inoltre, dice di riconoscere di avere anche un'altra difficoltà facendo riferimento al dismorfismo che è un disturbo diverso legato all'immagine corporea. Potrà parlarne col terapeuta che valuterà l'intervento appropriato dopo un'attenta valutazione delle difficoltà che vive.
Per quanto riguarda la sua provincia, se vuole trovare un terapeuta vicino al suo domicilio, può fare una ricerca su questo portale e vedere se c'è qualcuno che abita vicino a lei.
Eventualmente personalmente sono disponibile per una consulenza psicologica on line.