Susy domande di Alimentazione  |  Inserita il 03/08/2015

Cuneo

Conforto nel cibo

Buongiorno,altra ennesima dieta che sta fallendo.Ho una vita piena di cose e impegni,la minima contrarietà sfocia nel cibo e se non posso mangiare per esempio se mi sono imposta di non farlo,divento tristissima.Sono cibo/dipendente ormai è chiaro.Posso trovare una via in psicologia? In passato avevo già anche utilizzato antidpressivi e avevo avuto incontri nel centro disturbi alimentari di Cuneo.Grazie
Susi

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott. Giuseppe Del Signore Inserita il 07/08/2015 - 13:22

Viterbo
|

Gentile Susy,

proprio per evitare ulteriori fallimenti nella dieta è utile valutare se ci troviamo di fronte ad un disturbo alimentare, questo può essere fatto solo contattando un Collega di persona per una valutazione accurata, dopo la quale sarebbe utile iniziare un percorso di psicoterapia.
La psicoterapia implica del tempo e una motivazione utile per voler cambiare.

Dott. Giuseppe Del Signore - Psicologo clinico e forense, Psicoterapeuta
Specialista in Psicoterapia Psicoanalitica
www.psicologoaviterbo.it

Dott.ssa Chiara Francesconi Inserita il 05/08/2015 - 19:24

Salve Susi, attualmente la terapia cognitivo comportamentale offre buoni ed efficaci percorsi psicologici per affrontare le abbuffate e le problematiche alimentari. Solitamente alla base del cattivo rapporto con il cibo e/o il proprio corpo vi sono altre vulnerabilità che riguardano una bassa autostima, difficoltà interpersonali, difficoltà nella gestione delle emozioni.. nel percorso non ci si concentra quindi soltanto sulla gestione degli "sgarri" e dell rispetto di una sana alimentazione, quanto piuttosto sulla comprensione più profonda di cosa spinge alla ricerca di cibo, come mezzo per "placare" quale stato d'animo e come poter attivare risorse differenti per affrontare le difficoltà di vita. Le consiglierei quindi di rivolgersi ad un terapeuta della sua zona che si occupi di tale tematica, certamente riuscirà a comprendere meglio se stessa e a dare un significato a ciò che le accade.
A disposizione per maggiori informazioni,
un caro saluto,
Dott.ssa Chiara Francesconi