Martina  domande di Alimentazione  |  Inserita il 17/06/2019

Mangio senza controllo

Salve, vorrei sapere come posso non pensare al cibo, sono una ragazza normopeso ma da un po di tempo (qualche mese) ho iniziato a mangiare circa 4000 calorie al giorno, non riesco a smettere, mangio sempre quello che mi va quando mi va. La sera capita che mangi un po di più perché tanto non devo più uscire e mi viene una pancia moolto pienotta....non so che fare, mi vergogno di quello che faccio.

  2 Risposte pubblicate per questa domanda

Dott.ssa Chiara Rottoli Inserita il 17/06/2019 - 13:53

Milano - Porta Vittoria, Porta Romana
|

Cara Martina, per esserle d’aiuto sarebbe bene avere più informazioni, ad esempio la sua età, se le è mai capito in precedenza, se è successo e attribuisce tale modifica comportamentale a qualche evento della sua vita recente. Le problematiche alimentari, dal poco che racconta, sono espressione di un disagio più profondo che non va trascurato. È comunque ottimo che lei si sia resa conto della problematica che sta passando. La invito quindi ad approfondire la sua situazione.

A disposizione
Dott.ssa Chiara Rottoli

Dott.ssa Katjuscia Manganiello Inserita il 18/06/2019 - 17:15

Pesaro
|

Gentile Martina,
la tua alimentazione non segue più il ritmo fame/sazietà ma un altro, quello legato alle emozioni. Per questo occorre individuare le emozioni che ti spingono a mangiare tanto per far sì che possano essere espresse in altro modo, più sano e utile.
Per far emergere le emozioni sottostanti tieni un diario alimentare dove scriverai quello che mangi in una giornata, a che ora e in quale situazione. Nei momenti di eccesso, fermati un momento e scrivi ciò che stai pensando e come ti senti.
Questo ti aiuterà a diventare più consapevole di quello che ti accade e di conseguenza lo renderà modificabile.

So che questa è una pratica un po' complessa e probabilmente avrai bisogno di qualcuno che ti aiuti nel percorso per questo penso che la cosa migliore sia iniziare una psicoterapia. Vedrai ti aiuterà a capire meglio il tuo comportamento e a trovare alternative più sane per contenere le emozioni.
Un caro saluto, dr Katjuscia Manganiello