Definirsi in amore

Quando un rapporto non decolla è necessario mettere delle regole al partner "candidato".

Pubblicato il 29 maggio, 2018  / Sesso e Amore
amore

Purtroppo a volte succede, nonostante tutte le premesse e magari anche qualche primo esperimento, che non si riesca a trovare un equilibrio che permetta ai due partner di iniziare un percorso insieme. Manca una definizione reciproca, manca una volontà reciproca, spesso accade che si tende a ferire di più di quanto non si possa fare con uno sconosciuto.

Spesso quando usciamo da una storia difficile oppure se siamo ancora in una storia difficile, cerchiamo disperatamente un altro paio di braccia che ci accolgano e che possano prometterci di tornare nuovamente a "sentire", a stare bene, semplicemente ad amare... anche dopo una lunga solitudine può accadere che ad un primo cenno di bontà si possa incorrere in finte relazioni o, peggio ancora, in tradimenti continui di se stessi e del partner dell'altro.

Anche se la dimensione della favola è importante, continuare a credere che sia possibile vivere una storia da Oscar hollywoodiano, bisogna fare i conti, quanto prima, con la realtà. Non ci sono alternative se vogliamo rimanere su un piano razionale, positivo e soprattutto di costruzione di condizioni favorevoli per il nostro futuro.

Così, se non lo fa l'altro, arriva il momento di definirsi. Arriva il momento di cancellare timidezze, remore, difficoltà di comunicazione e soprattutto i futuri rimorsi e rimpianti. C'è la necessità di definirisi. Dire e soprattutto dirsi chiaramente cosa si prova, cosa si desidera, dove si vuole arrivare, quale strada si vuole percorrere, se si è in grado di sostenere la coppia o se il tutto gira intorno ad un singolare ombellico.

Riuscendo a fare questo, cioè a diventare guida soprattutto per le proprie emozioni, il rischio di incappare in rapporti vuoti prima ancora di iniziare a viverli, si riduce al minimo.

E se nonostante tutto questo vi rimane un po' l'amaro in bocca, se comunque fissate lo sguardo verso un punto fisso ascoltando il vostro respiro, se ancora rimane un filo, sottile, impercettibile, di speranza, non preoccupatevi.

Si tratta semplicemente della voglia, imponente, impellente ed incessante di tornare ad amare! Guardatevi intorno, una volta definiti davvero qualcosa potrebbe cambiare molto presto.