Fibromialgia: quando il corpo dice STOP

Aspetti psicologici di una malattia subdola e invisibile

Pubblicato il 10 marzo, 2018  / Psicologia e dintorni
Fibromialgia: quando il corpo dice STOP

Dottoressa, sà io ero una donna molto attiva, facevo un sacco di attività, ero instancabile... ora invece non sò nemmeno se riuscirò a andare al lavoro o avere le forze per fare le pulizie".

Questa è solo una delle frasi che risuonano piu familiari alle persone affette da fibromialgia: una malattia di cui si conosce ancora poco e la cui diagnosi spesso non è altro che un etichetta a una storia  di malessere e dolori .

Fibromialgia non è solo dolore è anche, spesso, mancata comprensione, isolamento, dover nascondere il proprio dolore per paura di essere descritti come "malati immaginari".

Dal punto di vista medico la fibromialgia è una malattia reumatologica che colpisce prevalentemente le donne e che comporta, oltre a dolori diffusi e cronici, anche tensione muscolare, stanchezza, vertigini, disturbi intestinali, confusione mentale.

Chi ne è affetto inizia il piu delle volte a intraprendere un cammino fatto di esami, visite specialistiche, terapie farmacologiche e alle volte anche interventi: ma il piu delle volte, fortunatamente molto piu nel passato che non oggi, veniva detto loro che il dolore era immaginario e inviati a visita psichiatrica.

Oggi sappiamo che il dolore è reale così come la sofferenza e il disagio psicologico di chi si trova quotidianamente a lottare contro questa malattia: ansia, stress e depressione sono tra i risvolti psicopatologici piu comuni di questa malattia.

E' importante quindi chiedere aiuto anche dal punto di vista psicologico in modo tale da avere il giusto sostegno per affrontare la propria condizione: il dolore infatti è influenzato anche dal nostro modo di pensare, di vedere ii mondo, dalle nostre emozioni e atteggiamenti.

Un supporto psicologico o un percorso psicoterapeutico puo rappresntare un ottimo strumento per leggere al meglio i segnali che il nostro corpo ci invia e per evitare che situazioni stressanti o emozioni spiacevoli lo rendano ancora piu aggressivo e intollerabile.

Quanto abbiamo richiesto a noi stesse e al nostro corpo? lavoro, famiglia, casa... fare tutto e bene senza mai prendersi del tempo per sè: cure miracolose per questa malattia al momento non esistono, ma di sicuro iniziare a capire cosa ci fa stare male dentro  è un ottimo modo per iniziare a stare meglio anche fuori e tornare a fare la pace con il proprio corpo.